Crema pasticcera: tutti i segreti!

Crema pasticcera: tutti i segreti!

Per anni ho fatto e rifatto la crema pasticcera con numerose ricette, poi mi sono arresa alla ricetta perfetta, almeno per me, che mi permette sempre di ottenere un buonissimo prodotto.

E il maestro non poteva che essere lui, Luca Montersino, lei cui dosi per pasta frolla e crema pasticcera sono sempre infallibili…e il risultato si sente, eccome!

Quindi, per chi ha letto la ricetta della frolla e pensa che ci sia troppo burro, e a chi leggerà questa ricetta e subito dirà “ci sono troppe uova! c’è troppo zucchero!” dico già che in pasticceria tutto ha un motivo di esserci: grassi, zuccheri, liquidi sono sempre bilanciati in funzione di un risultato finale che si vuole ottenere.

Una frolla friabile, gustosa e croccante? Burro a volontà e zucchero rigorosamente a velo.

Una crema vellutata, corposa e lucida? Magari senza grumi? Tuorli per pasta fresca, niente glutine negli addensanti e una parte di latte sostituita dalla panna fresca.

Vi lascio con la ricetta e il procedimento passo passo per ottenere una crema pasticciera classica e una variante al cioccolato super golosa!

 

CREMA PASTICCERA CLASSICA

Preparazione: 10 minuti   Cottura: 5 minuti  

Ingredienti:

  • 400 ml latte fresco intero
  • 100 ml panna fresca
  • 150 g tuorli
  • 150 g zucchero semolato
  • 20 g amido di mais
  • 20 g amido di riso
  • semi di vaniglia o scorza di limone tagliata grossa

 

1 – Per prima cosa mettete il latte e la panna fresca in una casseruola ben capiente, possibilmente antiaderente o con fondo rinforzato. Se decidete di aromatizzare la crema al limone, inserite la scorza di limone tagliata grossolana dentro il mix di latte e panna, accendete la fiamma e lasciate scaldare a fuoco medio, girando ogni tanto con una frusta a mano.

2 – In un recipiente inserite il quantitativo di tuorli presente nella ricetta e lo zucchero semolato: frullate immediatamente con le fruste elettriche fino a ottenere un composto chiaro, corposo e spumoso. Non lasciate mai i tuorli ricoperti di zucchero a riposare, ma lavorateli subito: altrimenti, essendo lo zucchero igroscopico, attirerà l’acqua contenuta nelle uova, che si separeranno e vi costringeranno a buttare tutto!

Se volete aromatizzare la crema alla vaniglia, inserite nel pastello i semi della bacca e lavorateli insieme ai tuorli e allo zucchero: qualcuno suggerisce di metterli nel latte a bollire, per scaldarli e enfatizzarne il profumo, ma in questo modo si creerebbero più facilmente dei grumi, in quanto i semi di vaniglia verrebbero avvolti dalla “pellicola” che il latte crea durante l’ebollizione, creando poi i grumi in cottura.

3 – Unite al pastello di tuorli e zucchero anche l’amido di mais e l’amido di riso, mescolando brevemente con la frusta.

La scelta di utilizzare la farina per la crema pasticcera è ormai in disuso, in quanto la presenza di glutine tende a dare una consistenza troppo “gelatinosa” e poco avvolgente alla crema: utilizzare un mix dei due amidi vi permette di dare struttura alla crema – grazie alla maizena – e contemporaneamente leggerezza e sofficità – per la presenza di amidi di riso. Questi due amidi sono adatti per una crema che poi verrà consumata direttamente e non dovrà essere ulteriormente cotta: se invece volete realizzare una crema pasticcera che poi verrà nuovamente cotta nel forno, come per esempio nel caso della torta della nonna, allora sostituite i due amidi con lo stesso quantitativo di fecola di patate, che ah un effetto gelatinizzante protettivo per la stabilità della crema senza gli effetti di appesantimento (del glutine) della farina.

4 – Quando il latte sfiorerà il bollore, togliete le scorze di limone se le avete usate e inserite nel pastello un mestolo di liquido caldo e mescolate bene, in modo da diminuire la differenza di temperatura tra i due composti. Appena vedrete sobbollire, versate dentro la casseruola il pastello e mescolate con una frusta a mano, continuando a cuocere a fiamma medio alta. La crema inizierà ad assodarsi, mescolate molto energicamente raccogliendo il composto ai bordi e sul fondo della casseruola e proseguite la cottura per 1 o 2 minuti, finché la consistenza si stabilizzerà.

5 – Versatela subito in un contenitore di vetro o di porcellana, meglio se basso e largo e possibilmente freddo di frigorifero o di frezeer, in modo da abbassare più velocemente possibile la temperatura della crema. Copritela con pellicola alimentare a contatto e mettetela a freddare.

Nel caso vogliate realizzare una variante al cioccolato, ci sono diversi metodi che sfruttano il cacao, il cioccolato fondente in scaglie oppure una ganache di cioccolato realizzata con il 50% di panna fresca e 50% di cioccolato fondente.

Un’ottima soluzione, molto rapida, è quella di incorporare alla crema ancora bollente circa 120 grammi di cioccolato fondente – potrete sceglie un cioccolato con il 55% di massa di cacao, fino al 70% – precedentemente triturato, e poi procedere con la fase 5. In questo caso, considerato che il cioccolato, una volta che la crema si sarà freddata, tenderà a renderla più solida, potrete diminuire di 10 grammi il quantitativo di amido utilizzato, in modo da ottenere una crema della giusta consistenza.

Commenta via Facebook



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *