Autore: admin

Crema al latte

Crema al latte

Le gambe esili e insicure piegate all’interno dei pantaloni, un giubbotto scuro trasandato, guscio di un’incurvatura della schiena che ne nascondeva perfino la testa, canuta, ripiegata sul collo magro senza rivelare i dettagli. Appoggiava la mano ossuta e curata, screziata dal blu delle vene e…

Panna cotta al caramello con nocciole

Panna cotta al caramello con nocciole

Ho sperimentato che ci sono domande che non possono farti male se tu sai già le risposte. Le tue verità, scomode o educate che siano, ti proteggono dal giudizio, dalle curiosità sterili, dall’analfabetismo emotivo di chi si intrufola senza chiedere permesso. Quando una parola, una…

Crostata esotica mango, cocco e lime

Crostata esotica mango, cocco e lime

Aspettavo questo giorno come un assetato l’acqua nel deserto.
Finalmente smettono i tormentoni inutili di auguri vuoti, frasi fatte ripetute a macchinetta; l’obbligo del “pensierino” o peggio del regalo, che alla metà della gente viene fatto per dovere e per contesto, per ricambiare meccanicamente.
Crisi e psicodrammi familiari hanno sempre un grande palcoscenico su cui svolgersi; assurde corse a ostacoli si impossessano dei nostri giorni per vedere e incontrare persone come se da lì a poco 

Continue reading Crostata esotica mango, cocco e lime

Tronchetto esotico delle Feste

Tronchetto esotico delle Feste

Non so nemmeno se sia più di moda, in ogni caso niente “Best nine”, che quest’anno di ‘best’ c’è stato ben poco, più che altro è stato best-iale. E nemmeno buoni propositi, progetti impellenti o esigenze di rivoluzioni, la fine dell’anno per me è

Cioccolata in tazza su stecco

Cioccolata in tazza su stecco

Ecco la mia idea regalo alimentare di quest’anno.    Ormai è per me una tradizione, cercare di fare regali confezionati a mano, che siano edibili, piccoli pensieri a cui devi dedicare il tempo per realizzarli, confezionarli e donarli: perché in fondo lo sappiamo tutti, il…

Mousse mascarpone con zucca, cannella e profumo d’arancia

Mousse mascarpone con zucca, cannella e profumo d’arancia

Accade spesso e non so perché.
Persone che mi conoscono pochissimo, con le quali ho avuto a che fare solo virtualmente, o che magari non ho mai incontrato di persona o non ci ho mai scambiato due parole, sembrano conoscermi benissimo. Sembrano conoscere e vedere di me cose che io stessa non vedo.
E così ieri, da una giovane ragazza incrociata qualche volta a lavoro ricevo in regalo un libro, lo scarto ed è uno dei miei autori preferiti – anche un po’ di nicchia.
Ieri, una persona che mi fece un’intervista oltre un anno fa era a passeggiare, vede un fondo con canna fumaria in affitto in una via ben frequentata e mi scrive subito dicendomi “ti penso, ti ci vedo, faresti cose bellissime” e mi sciorina una serie di complimenti e di elogi, di riflessioni sulle mie qualità (???) che mi lasciano di stucco.
Una donna che conosco ma con la quale non ho mai parlato molto, mi invia un messaggio con parole che mai mi avrebbero fatto sentire più capita.
Sono qui immersa nell’alba e mi chiedo come possa essere, che perdiamo chi ci conosce e vorremmo tenere da una vita e poi ci arrivano queste cose inaspettate.Vi è mai successo?

 
Ecco, in questo periodo dell’anno penso che per me il senso del Natale – se proprio ne dobbiamo trovare uno, giusto per sopravvivere a questo periodo di follia collettiva – sta qui: il dono inaspettato, insospettabile, impagabile.
 

Mousse al mascarpone con gelée di zucca, arancia e cannella

 
MOUSSE MASCARPONE CON ZUCCA, CANNELLA
E PROFUMO D’ARANCIA
 
 
Preparazione: 90 minuti     Cottura: 40 minuti     Dosi: 8 persone
 
 
Per la frolla:
  • 250 g di farina 00
  • 140 g di burro
  • 100 g di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 40 g di tuorli

Per la gelée di zucca:

  • 400 g di zucca
  • 80 g di zucchero
  • q.b di scorza d’arancia
  • q.b di cannella
  • 3 cucchiai di succo d’arancia
  • 6 g di colla di pesce
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 1 cucchiaio di succo d’arancia

Per la dacquoise:

  • 4 albumi (uova medie)
  • 20 g di zucchero
  • 60 g di farina di mandorle
  • 40 g di zucchero a velo

Per la crema pasticcera:

  • 250 ml di latte intero
  • 75 g di tuorli
  • 75 g di zucchero
  • 20 g di maizena

Per la mousse mascarpone:

  • 240 g di mascarpone
  • 240 g di panna
  • q.b di zucchero a velo
  • q.b di scorza d’arancia

Per decorare:

  • 1 cucchiaio di scorza d’arancia
  •  

Per la Mousse la mascarpone con gelée di zucca, arancia e cannella e dacquoise alla mandorla iniziate dalla preparazione della frolla che poi dovrà freddare.

Su di un piano di lavoro rovesciate la farina e lo zucchero a velo con il pizzico di sale, create una fontana e inserite nel foro interno i tuorli con il burro ben ammorbidito a temperatura ambiente. Iniziate a impastare dal centro amalgamando insieme burro e tuorli e poi incorporate via via la farina e lo zucchero, lavorando fino a creare così un panetto liscio e omogeneo: avvolgetelo nella pellicola alimentare cosi si fredderà il prima possibile riposando in frigorifero.

Per la crema mettete in una casseruola il latte a scaldare, intanto a parte lavorate bene i tuorli con lo zucchero, poi inseriteci la maizena: quando il latte bolle versate la pastella di uova e zucchero e mescolate bene con una frusta a mano finché la crema sarà addensata. Versate in un contenitore freddo e lasciate freddare.

Dedicatevi alla dacquoise: con le fruste elettriche montare gli albumi a temperatura ambiente, quando iniziano a fare una schiuma densa unite lo zucchero semolato poco per volta e continuate a montare bene. A parte setacciate la farina di mandorle con lo zucchero a velo e quando gli albumi saranno montati a neve inseriteli mescolando con una spatola dal basso verso l’alto. Foderate una teglia da forno con un fogli di carta da forno e con un tasca da pasticcere o con l’aiuto di un cucchiaio create un disco di impasto, largo poco meno dello stampo finale che utilizzerete, in modo da creare la base della torta: infornate a 175°C per circa 12-15 minuti, poi estraete e fate freddare.

Mentre la dacquoise cuoce, stendete la frolla col matterello a uno spessore di circa 4-5 mm e ritagliate un disco di diametro 24 cm, ovvero più grande dello stampo che poi userete per la mousse. Adagiate su una teglia con carta da forno e cuocete per 10-12 minuti a 175°C. estraete e tenete da parte.

Pulite ora la zucca fino a ottenerne 400 grammi: tagliatene circa 150 grammi a dadini regolari e precisi, versateli in una padella antiaderente con lo zucchero e il cucchiaio di succo di arancia e fate caramellare bene, a fuoco alto, senza però cuocere eccessivamente.

Gli scarti e la restante polpa – circa 250 grammi – inseriteli in una casseruola con il succo di arancia, lo zucchero, la cannella e due fette grandi di scorza di arancia, facendo cuocere coperto e molto lentamente finché la zucca sarà molto morbida. Quando sarà pronta ammorbidite la colla di pesce in acqua fredda, poi strizzatela bene e scioglietela nella zucca ancora bollente.

Versate il composto in uno stampo rotondo del diametro di 18 cm e mettete in freezer almeno due ore, dopo averla fatta freddare a temperatura ambiente.

 

Mousse al mascarpone con gelée di zucca, arancia e cannella

 

Montate la panna fresca con le fruste elettriche e tenete da parte, in una ciotola ben capiente mettete il mascarpone, lo zucchero a velo e 200 grammi di crema pasticcera, lavorando il tutto con le fruste. Mettete la colla di pesce ad ammorbidire, intanto scaldate a parte un cucchiaio di crema pasticcera e scioglietevi all’interno la colla strizzata, mescolate bene e poi incorporate al resto del composto a base di mascarpone, girando velocemente con una frusta per non far formare i grumi. Incorporate anche la apnna montata facendo attenzione a non smontare il composto.

A questo punto prendete uno stampo diametro 20 cm, di silicone o a cerniera foderato con pellicola o carta da forno: versateci all’interno 2/3 della mousse mascarpone, poi inserite la gelée di zucca ormai congelata, spalmateci sopra altri due cucchiai di mousse la mascarpone e adagiateci sopra la base di dacquoise alla mandorla, precedentemente ritagliata al diametro giusto per entrare nello stampo. Versate la restante mousse e livellate bene, inserendo il tutto in freezer, meglio se per una notte intera.

Quando sarà congelata bene, sformate dallo stampo rovesciatela adagaiandola sul disco di frolla: sistemate i quadratini di zucca caramellata sul bordo della frolla attaccandoli al bordo della mousse e grattugiate un po’ di scorza di arancio sulla superficie della torta oltre che dello zucchero a velo sul bordo di frolla. Inserite in frigorifero per riportare a temperatura positiva, circa mezza giornata ed estraete cinque o dieci minuti prima di serivire.

 

I miei consigli:
 

Ovviamente tante preparazioni possono essere realizzate con anticipo per poi assemblare la torta dopo, che comunque, una volta nello stampo potrà stare in freezer anche una settimana.

Realizzate quindi crema, frolla, gelée di zucca con anticipo per ammortizzare i tempi di realizzazione. Ovviamente, più la zucca è di qualità e di una pasta dal colore intenso, migliore sarà il sapore della gelée che risulterà ben dolce e speziata.

 
Panettone home made

Panettone home made

Si, si fa prima a comprarlo, si a comprarlo costa meno, “e chi ce l’ha il tempo di fare queste idiozie” etc etc…Li prevengo subito i commenti – anche giusti – che saltano alla bocca e alla tastiera come pensiero automatico. Quattro lievitazioni, sfogliatura, aromi…

Madeleines salate taleggio e noci

Madeleines salate taleggio e noci

~Post acido, non adatto ai benpensanti, agli edulcorati ottimisti, ai buonisti in senso stretto~ Meglio avvertire prima…! Puoi vedere una persona ridere a crepapelle, non significa che sia felice nella vita.Puoi vedere una persona camminare a falcata decisa, vestita in modo eccentrico, non è detto…

Bundt cake di Natale

Bundt cake di Natale

Le persone che stanno, si immergono immobili dentro al porpora di un tramonto, lasciandolo scivolare dentro al buio.

Le persone che stanno si insinuano nelle pieghe di un silenzio, muti e in ascolto, permettendogli di diventare consapevolezza.

Le persone che stanno ridono del futile, galleggiando nel limbo di un dolore umano che non li 

Continue reading Bundt cake di Natale

Tartellette al timo con gorgonzola e lamponi

Tartellette al timo con gorgonzola e lamponi

Ho scritto questa frase, un po’ di tempo fa: “L’ingrediente che uso più spesso è pensare ai destinatari per i quali preparo un dolce”. L’ho scritta senza pensare, dovevo buttar giù due righe di presentazione per un evento, poi ho realizzato che è davvero così:…