Tag: biscotti

Sablé al cocco e limone

Sablé al cocco e limone

Sablé. Sabbiato. Della stessa consistenza della sabbia bagnata. Perché è così che si fanno, se si impasta con le mani, si strofina la farina insieme al burro tra i palmi delle mani, e non c’è cosa migliore del tatto, uno dei sensi più 

Sablé al cacao, nocciole e fior di sale

Sablé al cacao, nocciole e fior di sale

Del resto la giornata era iniziata così, con un capitombolo di una tazzina di caffè, che aveva macchiato il divano, che mi aveva fatto sobbalzare, che avevo spaventato il gatto spostando la coperta, che mi aveva fatto inciampare e battere un ginocchio, “che si mangiò 

Graham crackers

Graham crackers

San Francisco, la città d’America più incredibile mai vista.

Un sali e scendi di colline, di temperature, di banchi di nebbia come zucchero filato, di splendore e degrado, di umido e di sole, sospesa in uno spazio alieno.

Raggiungo questo luogo rosa, in un quartiere un po’ freak, erano anni che desideravo andarci, mentre mi struggevo sul libro di ricette trovato a pochi euro che questa pasticceria famosisssima aveva anche tradotto in italiano. Una piccola bomboniera piena di dolci meravigliosi.

È dal libro di @miette che ho preso la ricetta dei Graham cracker, che non sono altro che dei biscotti al burro profumatissimi, dove lo zucchero di canna integrale rilascia il sapore di melassa, mitigato da una piccola punta dolce di cannella.

Non è possibile descrivere davvero il loro sapore, soprattutto dopo che ne hai acquistata una confezione intera e ti ha accompagnato per tutto il tragitto lungo la costa della California.
Bastano pochissimi ingredienti e niente uova per realizzare questa meraviglia, che in america usano tantissimo anche come base per le cheesecake e la Key Lime Pie.

GRAHAM CRACKERS

Preparazione: 15 minuti     Cottura: 8-10 minuti     Dosi: 20 biscotti Ø 8 cm

 

Ingredienti:

  • 200 g di farina 00
  • 50 g di farina integrale
  • 1/4 cucchiaino di sale
  • un pizzico di cannella
  • 170 g di burro morbido
  • 110 g di zucchero di canna integrale/Demerara/Muscovado                                  (oppure in alternativa 100 g di zucchero di canna + 10 g di melassa)
  • 30 g di miele

 

Per realizzare i Graham crackers iniziate mettendo insieme gli ingredienti secchi, ovvero le due farine, il sale, la cannella e metteteli da parte.

Lavorate riducendo a crema il burro ammorbidito, lo zucchero di canna, la e il miele, mettendoli in planetaria con il gancio a foglia o con le fruste elettriche. Aggiungete alla massa gli ingredienti secchi e incorporateli lavorandoli con un mestolo. Quando faticherete a mescolare l’impasto nella ciotola, versate il contenuto sul piano di lavoro e impastate brevemente fino a formare un panetto, come si fa per la frolla.

Avvolgete l’impasto nella pellicola trasparente e riponetelo in frigorifero per almeno 30 minuti, meglio un’ora, ma anche tutta la notte. Se volete prepararlo in anticipo, si conserverà per massimo 2 giorni.

Foderate due teglie con della carta forno e accendete il forno preriscaldandolo a 170-175 °C. Togliete l’impasto dalla pellicola e stendetelo col mattarello e pochissima farina a uno spessore di circa mezzo cm, poi con uno stampino per biscotti tondo dai bordi ondulati del diametro di 8 cm tagliate i biscotti. Raccogliete la pasta avanzata, lavoratela di nuovo, stendetela e ricavatene altri biscotti.

Disponeteli sulla teglia a 1 cm di distanza uno dall’altro e cuocete per 8 – 10 minuti, finché non saranno dorati. Estraeteli dal forno e cospargeteli immediatamente con lo zucchero semolato fine,  trasferendoli poi su una gratella a raffreddare.

Conservate in una scatola di latta ben chiusa, gustateli insieme a un caffé, con del gelato oppure utilizzateli frullandoli come base per le cheesecake cotte.

I

I miei consigli:

  • Lo zucchero che ho utilizzato è uno zucchero di canna integrale bio (nulla di particolare, è della Coop!) ma lo potete sostituire con uno zucchero di canna varietà Demerara o Muscovado, che hanno una importante percentuale di melassa naturalmente presente al loro interno. 
  • Se avete solo lo zucchero di canna normale, quello di colore chiaro, addizionatelo con della melassa, che lavorerete con le fruste insieme al burro e al miele.
  • Per ottenere un composto sufficiente per la base di una cheesecake tritate finemente al mixer 150 o 200 grammi di questi biscotti fino ad ottenere una sabbia fine e procedete a foderare lo stampo.
Cantucci toscani (e non chiamateli Biscotti di Prato)

Cantucci toscani (e non chiamateli Biscotti di Prato)

Sembrano la stessa cosa ma in realtà non lo sono. Ed esistono consorzi a difesa della tipicità del prodotto, uno con un riconoscimento IGP – quello per i Cantucci toscani, a base di zucchero, uova, farina, miele aromi e mandorle – e quello del Biscotto 

Mini cheesecake al cioccolato

Mini cheesecake al cioccolato

Non amo spingere una ricetta invogliando le persone a farla perché è senza cottura: per me in pasticceria ci si deve impegnare a fare quel che c’è da fare, magari sbagliando, magari maledicendosi, ma se non si prova – e se non si sbaglia – 

Biscotti degli Ussari – alias Thumbprint cookies

Biscotti degli Ussari – alias Thumbprint cookies

I biscotti degli Ussari sono biscotti tedeschi, anche noti col nome Husarenkrapfen, ovvero “ciambelline” degli Ussari. Il nome inglese è invece “thumbprint” cookies, ovvero i biscotti con l’impronta digitale.

E miglior nome non poteva essere scelto, visto che questi biscotti vengono fatti proprio premendoli contro la teglia con il pollice, in modo da creare la cavità che poi accoglierà la confettura, da 

Continue reading Biscotti degli Ussari – alias Thumbprint cookies

Ovis mollis speziati di Natale

Ovis mollis speziati di Natale

È difficile tornare a pubblicare qualche post su Instagram e sul blog senza cadere nella retorica delle frasi “Sono sparita”, “Vi stavate chiedendo che fine ho fatto”…non so nemmeno se realmente sto parlando con qualcuno che legge e credo sempre che le persone abbiano una 

Biscotti di frolla montata

Biscotti di frolla montata

Amava tutte le stagioni, anche adesso che già non le sembravano più le stesse di una volta, anche oggi dove la minaccia di un pianeta sofferente la portava a chiedersi come sarebbe diventato poi. Non concepiva l’odio per la pioggia, le lagne per il freddo, 

Biscotti zucca e cocco con confettura di albicocche

Biscotti zucca e cocco con confettura di albicocche

Sono nuovamente vittima di un’ossessione che si sta impossessando di me e che non mi molla: dopo il pane alla zucca, la crostata salata di zucca e brie, le tortine di zucca, cannella e cioccolato e anche un’altra ricetta ancora inedita, ho realizzato dei biscotti prendendo spunto da una ricetta trovata in giro che però poi ho modificato – realizzandoli per ben due volte, perché della prima versione non ero per nulla soddisfatta e ho anch pensato che chi l’aveva pubblicata avesse mentito…visto che dalla foto sembravano tutt’altro! – e che mi hanno ispirata perché erano integrali e con il cocco, pochissimo zucchero e ovviamente con l’eterna protagonista di questo mio autunno. La zucca!

 

Biscotti zucca e cocco con confettura di albicocche

BISCOTTI ZUCCA E COCCO CON CONFETTURA
DI ALBICOCCHE
Preparazione: 20 minuti     Cottura: 20 minuti     Dosi: 8 persone
Ingredienti:
  • 250 g di zucca
  • 200 g di farina 00
  • 200 g di farina integrale
  • 80 g di cocco rapé
  • 1 pizzico di sale
  • 30 g di maizena
  • 3 tuorli
  • 200 g di burro
  • q.b di confettura di albicocche
  • 120 g di zucchero a velo

Per realizzate i biscotti zucca e cocco con confettura di albicocche mettete la zucca a lessare in acqua bollente o, ancora meglio, cuocetela a vapore per una decina di minuti, o comunque finchè sentirete la sua polpa morbida ma corposa. Poi frullate e lasciate freddare.

Intanto su una spianatoia versate le due farine, il cocco, la maizena, il pizzico di sale, lo zucchero a velo e create una fontana centrale creando un cratere al centro con le dita. Inserite all’interno la purea di zucca, poi il burro ammorbidito a piccoli toccheti e i tuorli: iniziate a lavorare tuorli e burro con la purea creando un pastello omogeneo e poi impastate con il resto degli ingredienti secchi, creando un panetto che avvolgerete con la pellicola alimentare per farlo raffreddare, ben appiattito e schiacciato, in frigorifero.

Quando il panetto si sarà solidificato, riprendetelo e stendete l’impasto a uno spessore di 3-4 mm, poi con un coppapasta tondo, create tanti biscotti che appoggierete via via su di una leccarda rivestita con carta da forno. Reimpastate gli scarti e procedete nuovamente a stendere e copparne alti.

Accendete il forno a 175°C. Contate i biscotti e, sulla metà di essi, potrete realizzare un piccolo foro tondo o della formina che avete, in modo da creare un effetto “occhio di bue” dal quale poi si vedrà la confettura. Infornate e fate cuocere per circa 10 minuti, finchè saranno dorati.

Sfornare e fate freddare su una griglia, poi con un cucchiaino spalmate della confettura di albicocca – se ne avete una poco liquida e piuttosto densa sarà ancora più facile – sulla base senza foro e poi sovrapponete un biscotto forato facendo aderire le due metà.

Biscotti zucca e cocco con confettura di albicocche

 

I miei consigli:
  • Se non avete la farina integrale non ci saranno problemi, potrete tranquillamente realizzare i biscotti utilizzando solamente farina 00.
  • Potrete scegliere la confettura che più si addice ai vostri gusti, considerando che quelle leggermente acidule – fragole, albicocche, lampone, ribes – sono più indicate per il contrasto che creano col dolce del biscotto.
Chocolate chips cookies

Chocolate chips cookies

Prima dei miei 30 anni ne mangiavo una quantità industriale, senza sosta, fino a finirmene pacchetti interi: con quella loro consistenza fragrante, il dolce dell’impasto e delle gocce di cioccolato con quella punta salata, la responsabile del fatto che così non ti vengono mai a