Mese: Gennaio 2021

Cenci di Carnevale

Cenci di Carnevale

Si preannunciava con un trillo di campanello. Appariva dietro la porta spalancata un cesto di vimini enorme, davanti a un profumo femminile di rose che avvolgeva il suo volto minuto chiuso tra i grandi orecchini vistosi. Gli occhi increspati dalle rughe, la bocca sorridente color 

Frittelle di mele al profumo di cannella

Frittelle di mele al profumo di cannella

È vero che anche qui si deve friggere, ma una volta che hai messo l’olio per delle patatine fritte, oppure per le frittelle o i cenci – lo so, da voi con le chiacchiere o le frappe – perché non fare anche questa ricetta che 

Frittelle di riso di San Giuseppe

Frittelle di riso di San Giuseppe

“Figliole e frittelle, più ne si fanno, più le vengan belle!”. Lo avete mai sentito dire questo detto?

A Firenze è un must del periodo di Carnevale, una sorta di popolare giustificazione del fatto che è giusto continuare a friggere come se non ci fosse un domani, perché le frittelle sono come le figlie femmine: più ne fai e più belle ti vengono.

Ho già raccolto qualche commento scettico riguardo alle figlie, ma il punto è che per le frittelle è

Continue reading Frittelle di riso di San Giuseppe

TORTA BANOFFEE A MODO MIO

TORTA BANOFFEE A MODO MIO

Sarebbe una torta inglese, a base di banane, panna e toffee…decisamente too much per me, ma mi piaceva provare il connubio tra il mou e la banana. Si è trasformata quindi in un mix di due dolci, la Banoffee appunto e la crostata al mou 

Schiacciata alla Fiorentina

Schiacciata alla Fiorentina

Fate come vi pare, ma quei mappazzoni fatti con il lievito chimico in bustina che in dieci minuti tutto è già in forno, o quelle imitazioni con il lievito di birra disidratato alte dieci cm e pesanti come macigni, non possono essere chiamate schiacciate alla 

Cuori di frolla al cacao con mou al sale

Cuori di frolla al cacao con mou al sale

C’era – e c’è tutt’oggi – solo un cibo che mi piace(va) che fosse ‘a forma di qualcosa’. 

Era la mia cena preferita e, non mi vergogno a dirlo, tutt’ora ogni tanto, quando mi sento che devo essere coccolata, quando ho bisogno di sentire che va tutto bene, chiedo con un certo tono da ritorno all’infanzia: patatine fritte e pecorino.

Si si, avete capito bene, la cena dei miei sogni è il pecorino + le patate fritte. Fatte in casa ovviamente. E nella fattispecie era il pecorino che veniva agghindato, o meglio scavato, per formare

Continue reading Cuori di frolla al cacao con mou al sale

Pere arrosto con briciole di pecorino, olive taggiasche, miele e noci

Pere arrosto con briciole di pecorino, olive taggiasche, miele e noci

Si, sono diventate la mia ossessione. Ma ormai lo so, le “fittonate” – come le chiamiamo a Firenze fanno parte del mio DNA, in particolare di derivazione materna, dove è stata trasmessa l’ossessione per le preparazioni in cucina che quando funzionano vengono riproposte all’infinito. Questo 

Babka all’arancia e frutti di bosco

Babka all’arancia e frutti di bosco

Tutta la verità, vi giuro su questa babka. E sì, intanto la parola è femminile, perché significa “nonna” e già solo questo mi basta per nutrire un certo trasporto verso questo lievitato. La vedete la glassatura bianca in superficie? Beh, non tutti i mali vengono 

Torta invisibile di pere, zenzero e limone al profumo di timo

Torta invisibile di pere, zenzero e limone al profumo di timo

Ora che ho scoperto quest’accoppiata rivaluto anche con un certo interesse questo frutto invernale. Pere e zenzero.

Usavo spesso le pere per le preparazioni salate, in abbinamento con formaggi sapidi più o meno stagionati, insalate o strudel, poco per i dolci, perché le mele avevano sempre la meglio e il classico

Continue reading Torta invisibile di pere, zenzero e limone al profumo di timo

Pane senza impasto con li.co.li. (o lievito di birra)

Pane senza impasto con li.co.li. (o lievito di birra)

Non voglio il tamagotchi. Non voglio il tamagotchi. Non voglio il tamagotchi. E dopo anni di questo mantra, il risultato è che invece il lievito madre mi è arrivato dritto dritto a casa, da una persona alla quale non ho saputo dire di no: l’ho