Search Results: melanzane

Melanzane ripiene con feta e menta

Melanzane ripiene con feta e menta

Ci sono ormai dei piatti, di cucina semplice più che altro, che fanno parte delle abitudini di casa mia. Stagione che vai, piatto che trovi. e così, come d’inverno nelle cene con amici imperversano treni di crostini stracchino e salsiccia, così come appena si affaccia 

Plumcake salato con feta e melanzane grigliate

Plumcake salato con feta e melanzane grigliate

Amo molto la feta, soprattutto da qualche anno a questa parte dopo un viaggio a Creta in cui credo di aver fatto il pieno anche per tutti gli anni addietro in cui non l’ho mangiata. Salata, gustosa – e recentemente ho scoperto anche abbastanza proteica 

Parmigiana leggera al forno

Parmigiana leggera al forno

Parmigiana leggera al forno.

Premessa: per me la tradizione non si tocca. La parmigiana vuole le melanzane fritte, altrimenti non è parmigiana. Stop.

Per questo in realtà il battesimo d’istinto di questa ricetta era “Unorthodox parmigiana”, perché dissacra i principi cardine su cui si basa questo piatto. Ma..

… ma cucinando per la mia famiglia mentre mi cospargevo il capo di cenere, ho fatto una foto alla teglia prima di infornarla e vi ho chiesto nelle stories Instagram se vi fosse interessata una ricetta dove le melanzane non si friggono e non ci sono grassi aggiunti: aiuto. Vi siete scatenati, mi avete risposto tutti che la volevate.

Quindi, io a posto con la coscienza non mi ci sento, però la ricetta è questa. 

 

PARMIGIANA LEGGERA AL FORNO

alias UNORTHODOX PARMIGIANA

Preparazione: 60 minuti     Cottura: 30 minuti     Dosi: teglia Ø26 o 35×45

Ingredienti:

  • 4 melanzane grosse o 6 medie
  • 800-100 g di passata di pomodoro di buona qualità
  • 1 cipolla di tropea o cipolla rossa
  • 1 cucchiaio raso di origano
  • 20 foglie di basilico fresco
  • 1 o 2 cucchiaini di zucchero – dipende da quanto il pomodoro risulti acido
  • 2 o 3 mozzarelle piccole (di quelle confezionate) – io ne ho usate 3, ma erano abbondanti
  • 60 g di parmigiano reggiano
  • sale
  • pepe

 

Iniziate a preparare questa ricetta partendo dal fare mea culpa perché non friggerete.

Una volta chiesto perdono agli dei della cucina tradizionale italiana, rasserenatevi, allacciate il grembiule e state sereni.

In una casseruola capiente inserite la cipolla tagliata sottile, metà del basilico e l’origano: aggiungete due cucchiai di acqua e fate appassire a fiamma bassa, mescolando di tanto in tanto. Aggiungete poi il pomodoro, il sale e lo zucchero, un po’ di pepe, e procedete con la cottura: la salsa dovrà sobbollire piano, quindi fatelo a fiamma lenta, e ritirarsi in base a quanto era liquida in partenza. Io con la passata Mutti ci ho messo circa 30 minuti.

Intanto scaldate bene una griglia sul fuoco, lavate e pulite le melanzane tagliandole poi a fette dello stesso spessore (date un occhio qua sul mio shop Amazon, esiste un coltello con un regolatore di fetta che vi permette di tagliare qualsiasi cosa facendo tutte fette dello stesso spessore!) e grigliatele su entrambi i lati. Lasciatele adagiate su un piatto, in modo che calore e umidità le ammorbidiscano ulteriormente.

Quando avrete ultimato le due operazioni, accendete il forno e scaldatelo a 200° modalità statica.

Tagliate le mozzarelle a fettine sottili, grattugiate il parmigiano e siete pronti ad assemblare la parmigiana.

Sporcate il fondo della teglia con poca salsa, poi create uno strato di melanzane sovrapponendole leggermente, cospargete con un po’ di salsa, adagiate le fettine di mozzarella – anche sfaldate a mano per distribuirle al meglio – e cospargete con un po’ di parmigiano. Aggiungete qualche foglia di basilico triturata a mano, poi proseguite nello stesso ordine creando vari strati: terminate con del pomodoro, qualche pezzetto di mozzarella e una spolverata di parmigiano.

Cuocete nel ripiano medio basso del forno circa 30 minuti, poi spegnete il forno, aprite lo sportello e lasciatela intiepidire lì dentro.

Servire calda (ma leggete i consigli, c’è un trucco per renderla ancora più saporita!)

 

I miei consigli:

  • Effettivamente, parte del sapore dipende dalla qualità della passata di pomodoro, che deve essere saporita e densa. Se ne avete una casalinga troppo liquida, fatela ritirare bene in cottura, partendo da 1200 gr totali prima di cuocere.
  • Ovviamente, potrete fare salsa e melanzane grigliate anche il giorno prima per avvantaggiarvi e cuocere il giorno dopo, anche se il mio consiglio è di cuocere la parmigiana in forno il giorno prima di servirla, lasciarla freddare, conservarla in frigorifero la notte e poi scaldarla: sarà ancora più saporita!
  • Non temete che siano troppe come dosi: a parte che ci sarà sicuramente il bis, ma se avanzano potrete realizzare delle vaschette da surgelare, avrete una cena (sana) pronta da scongelare e scaldare al momento!
  • Per altre ricetta con le melanzane, date un occhio qua!
French toast salato con frutta secca

French toast salato con frutta secca

Ebbene sì, il french toast è una mia grandissima passione: salato o dolce che sia, non lo ordino mai se non a Parigi, a New York o…a casa mia!  Mi piace impastare il pan brioche, tagliarlo e svelare le venature della lievitazione, rigirarlo nell’uovo e 

Burger buns rosa total vegan

Burger buns rosa total vegan

Era una vita che li volevo fare così. Proprio così, belli rosa, lucidi, senza che perdessero il colore in cottura, allegri, sani. Avevo gà provato anni addietro, ma il fallimento era stato inevitabile: avevo usato spinaci per il verde, barbabietola per il rosa e carote 

Dutch pancake salato

Dutch pancake salato

[Post ad alto contenuto caustico. Passa oltre se non ami sentir dire le cose come stanno].
Tema: Io e una banale ricetta vegana con tre ingredienti.

Siccome degli equilibri culinari vegan non so assolutamente nulla decido di seguire una ricetta collaudata. E per ‘collaudata’ -ahimè- cado nell’errore di considerare tale quella di una blogger molto molto famosa.
Una di quelle con centinaia di migliaia di follower. Una di quelle che pubblica ricette

Continue reading Dutch pancake salato