Search Results: pesche

Crumble di avena con pesche e uva fragola

Crumble di avena con pesche e uva fragola

Crumble di avena con pesche e uva fragola. Tre cose che dovete sapere su questo crumble: che l’uva l’ho rubata da una casa qua vicino all’alba che se non te la senti di infrangere la legge lo puoi fare con la frutta che ti pare 

Pesche grigliate con finto gelato e caramello

Pesche grigliate con finto gelato e caramello

Pesche grigliate con finto gelato e caramello. Team pesche noci a rapporto! Ho una particolare antipatia per le pesche con il pelo, che trovo buonissime, succose, ma a me piace

Strudel di fillo con pesche e mirtilli

Strudel di fillo con pesche e mirtilli

STRUDEL DI FILLO CON PESCHE E MIRTILLI

Famo a capisse: non mi venite a dire che nessuno accende il forno in estate, quando su altri profili vedo pubblicate ora torte con ingredienti invernali che stanno a mezz’ore in forno e fanno milioni di visualizzazioni…c’è qualcosa che non torna!

Se è ‘forno no’ perché è caldo, forno no per tutti…o sbaglio?

Poi qui manco dovete impastare, la pasta fillo avvolge lo strudel fatto con le pesche e i mirtilli: quanto mi piacciono insieme! Vi lascio qua la ricetta, potrete anche scegliere tra versione con meno sensi di colpa – niente grassi aggiunti – o versione con olio o burro!

Strudel di fillo con pesche e mirtilli

STRUDEL DI FILLO

CON PESCHE E MIRTILLI

Preparazione: 15 minuti     Dosi: 4 persone.    Cottura: 25-30 minuti

 

Ingredienti:

  • 4-5 pesche non morbide
  • 50 g di mirtilli freschi
  • 3 cucchiai di zucchero (di canna se lo avete)
  • 1 cucchiaino di scorza di limone grattugiata
  • 6 fogli di pasta fillo
  • 1 cucchiaio di pinoli
  • Acqua o burro fuso
  • b. zucchero a velo
  • b. menta

 

Tostate i mirtilli in una padella antiaderente.

Sciacquate le pesche e asciugatele, dividetele a metà per rimuovere il nocciolo, poi tagliatele a dadini.

Inseritele nella padella con i pinoli, aggiungete mirtilli, scorza di limone e zucchero e fate cuocere finché il liquido si sarà ritirato.

Far raffreddare.

Inumidire un foglio di fillo con dell’acqua spennellata – oppure anche burro o olio – spolverizzare poco zucchero, coprire con il secondo foglio e procedere così fino al sesto figlio.

Inserire il ripieno freddo al centro, chiudere le estremità e arrotolare. Spennellare con acqua o olio/burro e il resto dello zucchero.

Cuocere in forno ventilato a 200 gradi per 25-30 minuti.

Far freddare, spolverizzare con zucchero a velo e servire a fette con la menta fresca.

strudel di fillo con pesche e mirtilli

 

I miei consigli:

  • Inserire tra uno strato e l’altro di fillo una spennellata di burro fuso o di olio spingerà il sapore del ripieno e aiuterà la croccantezza della fillo dopo la cottura, oltre a dargli un colore ambrato molto piacevole! La versione con acqua serve solo a far aderire gli strati sostituendo appunto una parte grassa!
  • Per altre ricette con la pasta fillo, date un occhio qui!
  • sapete com’è fatta la pasta fillo? Curiosate qui!

 

 

 

 

Sbrisolona pesche e rosmarino

Sbrisolona pesche e rosmarino

Sbrisolona pesche e rosmarino. Ok, va bene, lo so che c’è da accendere il forno, ma vi giuro che è davvero una ricetta zero sbatti e soprattutto pensateci bene: lo accendete una volta, magari ci schiaffate qualche teglia di verdure per ottimizzare l’accensione, ci infilate 

Crostata morbida di susine, pesche e mandorle

Crostata morbida di susine, pesche e mandorle

Crostata morbida di susine, pesche e mandorle Con grande piacere ho scoperto di avervi fatto conoscere il nome di una varietà di suine, per me tra le migliori insieme alle “gocce d’oro”: le susine rosse, dette anche sangue di drago. In pochissimi tra quelli che 

Dutch pancake con pesche, mirtilli e frozen yogurt

Dutch pancake con pesche, mirtilli e frozen yogurt

Resta e resterà sempre una delle mie colazioni preferite: arrivo a dire di preferirlo ai pancakes tradizionali, che sono buoni eh, per carità, ma a me il dutch pancake – lo conoscete? – mi da una gran soddisfazione.

ve ne avevo parlato un po’ di tempo fa, la prima versione che ho proposto era stata di un avariante salata: come i cugini più tradizionali, i dutch pancakes sono una base

Continue reading Dutch pancake con pesche, mirtilli e frozen yogurt

Torta versata lamponi e pesche

Torta versata lamponi e pesche

Ebbene si, il risultato del sondaggio è proprio lei! E’ lei la torta versata, e io so già che qualcuno rimarrà contento e forse qualcuno un po’ deluso, perché forse il nome vi aveva incuriosito tanto da farla vincere sulla sempre degna crostata a strati, 

Pound cake allo yogurt con pesche e mirtilli

Pound cake allo yogurt con pesche e mirtilli

Accade esattamente come per i libri, per i vestiti, per le occasioni della vita. Ci sono delle ricette che attendono il loro momento per anni, racchiuse in un cassetto o, nel mio caso, dentro un arrangiato porta ricette di cartoncino giallo, dove trascrivo tutto ciò 

Mousse al cioccolato bianco con salsa di pesche e ciliegie fresche

Mousse al cioccolato bianco con salsa di pesche e ciliegie fresche

 
La verità è che a me non me ne frega nulla: della temperatura non me ne importa proprio niente. Quando è freddo ci si lamenta che è gelido e che è brutto tempo, quindi già pensiamo alla primavera, con il sole tiepido e fiori dappertutto, ma ci stiamo scordando che devastiamo il pianeta con inquinamento folle e selvaggio, quindi la primavera non si presenta e via di lungagnate e lamentele perché vogliamo il caldo, l’estate, inneggiamo al bisogno di mettersi i sandali e stare smanicati, salvo poi lamentarci del fatto che è afoso, che quaranta gradi no non si può, odio le zanzare, si suda a stare fermi, mi s’abbassa la pressione, per terminare il ciclo di incontentabilità quando a Ferragosto qualcuno osa pronunciare la parola Natale e quanti lunedì mancano al suddetto.
Ecco. A me di tutto questo non me ne importa un fico secco, controtendenza accendo il forno indipendentemente dai mille gradi, se mi fa caldo mi fa caldo indipendentemente da lui, come quando mi fa freddo, rabbrividisco indipendentemente dalla finestra aperta per fare entrare la luce giusta che mi serve per la fotografia. 
Quindi ecco questa ricetta, che accontenta tutti, i ‘lamentoni’ e gli intrepidi, che può essere fatta senza accendere il forno ma per i più perfettini – tipo me – anche realizzando un bel crumble a mano da infilare a 160°.
Mousse al cioccolato bianco, gelée di pesche e ciliegie fresche. Evviva le stagioni, tutte.
 
Mousse al cioccolato bianco con salsa di pesche e ciliegie fresche
 
MOUSSE AL CIOCCOLATO BIANCO CON
SALSA DI PESCHE E CILIEGIE FRESCHE
 
 
Preparazione: 20 minuti     Dosi: 8 persone
 
Ingredienti:
  • 300 g di latte intero
  • 150 g di cioccolato bianco
  • 5 g di colla di pesce
  • 280 g di panna da montare
  • 3 pesche noci
  • 80 g di zucchero
  • q.b di ciliegie
  • 100 g di biscotti secchi

 

Per preparare le mousse al cioccolato bianco con salsa di pesche e ciliegie fresche iniziate dalla mousse.

Mettete in una casseruola il latte e portatelo piano ad ebollizione; intanto semi montate la panna ben fredda di frigo all’interno di un contenitore ben freddo anch’esso, poi conservatela in frigorifero. Tritate il cioccolato bianco e inseritelo in un contenitore capiente, mettete la gelatina in ammollo in acqua ben fredda.

Quando il latte raggiungerà il bollore, scioglieteci all’interno la gelatina ben ammorbidita e strizzata, mescolate bene e poi versate il liquido bollente sul cioccolato bianco: attendete un minuto in modo che si sciolga bene, poi mescolate con una spatola e – se ne avete la possibilità – passate il composto al minipimer per migliorare la consistenza del composto. Lasciate intiepidire.

Nel frattempo, tritate dei biscotti secchi, biscotti alla panna o quelli che preferite e teneteli da parte: se utilizzate uno stampo grande unico, cospargete in modo uniforme il fondo dello stampo con le briciole; se invece usate degli stampini monoporzione – che spesso hanno la base inferiore più piccola della bocca superiore – utilizzerete i biscotti in seguito.

Mousse al cioccolato bianco con salsa di pesche e ciliegie fresche

Quando il composto a base di cioccolato bianco sarà intiepidito, incorporate la panna semimontate, mescolando dal basso verso l’alto per non smontare il composto: versate il composto nello stampo, dosando equamente la mousse se usate gli stampi monoporzione. In questo caso, solo dopo aver versato la mousse cospargetene la superficie con il crumble di biscotti, lasciandoli in superficie: quando li sformerete, la parte superiore diverrà la base dei dessert, che quindi appoggeranno sul piatto di portata proprio dal lato dei biscotti.

Inserite la mousse in freezer per almeno 4 ore, meglio se per tutta la notte.

Preparate la gelée di pesche: sbucciate le pesche, denocciolatele e tagliatele a pezzetti, unitele in un contenitore con lo zucchero e frullatele con il minipimer fino a ottenere una purea, filtratela con un colino, poi scolatene una piccola parte mentre la gelatina si reidrata in ammollo in acqua fredda; strizzatela e inseritela nella purea bollente mescolando bene, poi unite questo composto al resto della purea.

Se avete utilizzato lo stampo grande, versate la gelée sulla superficie della mousse ancora ghiacciata e tenete in freezer un’altra ora; se invece avete gli stampi piccoli, sformate le monoporzioni, versate un po’ di gelée e sul fondo del piattino di portata e sulla superficie della mousse e mantenete in frigorifero. Per lo stampo grande, quando la gelée sarà solidificata, sformate la mousse e poggiatela sul piatto di portata mantenendo in frigorifero per far tornare a temperatura positiva prima di servire.

Decorate la superficie con ciliegie fresche denocciolate.

Mousse al cioccolato bianco con salsa di pesche e ciliegie fresche

 

I miei consigli:
 
  • Potrete anche realizzare un crumble a mano al posto dell’impiego dei biscotti, oppure anche un disco di frolla della misura della base degli stampi su cui adagiare poi la mousse quando la sformate; i biscotti vi permettono semplicemente di non accendere il forno e ammortizzare i tempi di preparazione.
  • Se preferite potrete usare del latte di mandorla o del latte di cocco al posto del latte intero, mantenendo le dosi e creando varianti di sapore che ben si abbineranno al gusto dei frutti utilizzati.
  • Al posto della pesca potrete usare la frutta che preferite purchè dolce e saporita, come albicocche, mango, papaya, frutti rossi.
Crostata pesche, amaretti e crema alla mandorla

Crostata pesche, amaretti e crema alla mandorla

Aveva paura di guidare da sempre. Era l’autostrada a renderla inquieta, il binomio alta velocità e veicoli che si immettono in carreggiata dalle uscite degli autogrill rafforzava la percezione di scarso controllo; detestava i tir, claustrofobici quanto l’impossibilità di uscire da quelle strisce di liquirizia