Search Results: gelato

Pesche grigliate con finto gelato e caramello

Pesche grigliate con finto gelato e caramello

Pesche grigliate con finto gelato e caramello. Team pesche noci a rapporto! Ho una particolare antipatia per le pesche con il pelo, che trovo buonissime, succose, ma a me piace

Torta gelato cuor di panna

Torta gelato cuor di panna

Torta gelato cuor di panna Uno dei ricordi estivi che credo accomuni molti, un cornetto della famosa marca scartato sulla spiaggia, i piedi nella sabbia, il telo avvinghiato addosso dopo il bagno mentre il pomeriggio inizia a scolorire il suo giallo sulle onde del mare. 

Pie ai frutti rossi con yogurt gelato

Pie ai frutti rossi con yogurt gelato

Storia di una pie con yogurt gelato.

Arrivo al supermercato, con un po’ di peripezie perché non è nella mia zona, ho fatto un po’ di strada per raggiungere il punto vendita e procacciarmi quel che mi serviva per la mia ricetta. La commessa alla quale chiedo dove si trovino i Frozen Yogurt Pavlakis mi risponde: “Sono lì nel banco freezer”. Guardo, c’erano solo gli ultimissimi pezzi.

“Sono stata fortunata, se aspettavo qualche altra ora non li avrei trovati più”, lei mi guarda sorniona, con l’aria di chi sa a cosa stai andando incontro inconsapevolmente

Continue reading Pie ai frutti rossi con yogurt gelato

Tarte tatin di mele con lamponi e gelato

Tarte tatin di mele con lamponi e gelato

Avevo salvato lo scatto di questa tarte tatin di mele con lamponi e gelato nella mia gallery tra le immagini preferite, credo da un paio d’anni ormai, pensando che prima o poi avrei rifatto il dolce per un’occasione speciale. Ha atteso il suo momento a 

(Finto) Gelato ai frutti di bosco

(Finto) Gelato ai frutti di bosco

Ve lo dico fin da subito, questa non è farina del mio sacco.  Un po’ perché, talebana come sono in tema di pasticceria, il gelato fatto in casa senza gelatiera e non a regola d’arte non mi fa sentire in pace con me stessa, e 

Crumble di avena con pesche e uva fragola

Crumble di avena con pesche e uva fragola

Crumble di avena con pesche e uva fragola.

Tre cose che dovete sapere su questo crumble:

  • che l’uva l’ho rubata da una casa qua vicino all’alba
  • che se non te la senti di infrangere la legge lo puoi fare con la frutta che ti pare
  • che per me la versione migliore è tiepido e con una pallina di gelato di crema!

Quindi, salvatevi la ricetta che questa torna buona sempre, vi do anche qualche consiglio su come eventualmente sostituire l’avena se non l’avete e l’alternativa per il lactose free.

Ma intanto ditemi: furti alimentari più o meno cittadini li avete mai commessi? Attendo orgogliose testimonianze! 

Crumble di avena con pesche e uva fragola

 

CRUMBLE DI AVENA

CON PESCHE E UVA FRAGOLA

Preparazione: 10 minuti.    Cottura: 20 minuti circa     Dosi: Tortiera da 18-20 cm o 6 monoporzioni

Per la base di frutta: 

  • 3 pesche noci
  • 250 g di chicchi di uva fragola nera
  • 40 g di zucchero di canna o classico
  • scorza di mezzo limone

Per il crumble:

  • 75 g di avena in fiocchi
  • 40 g di zucchero di canna o classico
  • 75 g di burro morbido a temperatura ambiente o 4 cucchiai di olio di semi
  • 75 g di farina (meglio se integrale, altrimenti 00)
  • 2 cucchiai di acqua
  • 1 pizzico di sale

Tagliate a pezzi le pesche denocciolate – io ho lasciato la buccia – poi rimuovete i chicchi d’uva dai raspi fino a raggiungere la quantità indicata. Inserite in una boule e mescolate con scorza di limone e zucchero. Se volete evitare che si formi liquido in cottura, date ora un occhio ai consigli qui in fondo alla ricetta!

In un’altra boule inserite tutti gli ingredienti previsti per il crumble e iniziate a impastare con la punta delle dita fino a sabbiare completamente il composto.

Accendete il forno in modalità ventilata a 200 gradi – se avete solo statico, aumentate a 220° – e predisponete il dolce. In una tortiera unica da 20, in due più piccoline o in 6 stampi monodose, distribuite bene la frutta e ricoprite la superficie con il crumble, cercando di coprirla in modo regolare. Io mi sono innamorata di queste!

Infornate e cuocete 20 minuti, regolandovi anche in base alle caratteristiche del vostro forno!

Sfornate e lasciate intiepidire – come servirla in modo godurioso ve l’ho già detto all’inizio, altrimenti basterà anche solo una spolverizzata di zucchero a velo!

 

Crumble di avena con pesche e uva fragola

I miei consigli:

  • Se volete evitare che si formi troppo liquido sul fondo, passate 5 minuti gli ingredienti per la base di frutta in padella, su fuoco medio alto: aiuterà i liquidi a ritirarsi, poi procedete come da ricetta!
  • La presenza dell’uva contribuisce a creare liquido, potrete sostituirla interamente o parzialmente anche con dei mirtilli per diminuire questo effetto se non volete cuocere prima la frutta in padella!
  • Per altre ricette con crumble, date un occhio qui!

PORTFOLIO

PROGETTI PERSONALI   Adoro le atmosfere intime, rustiche o romantiche che siano…   …ma riconosco il fascino delle foto bright!                                                   

Stecco ducale home made

Stecco ducale home made

Stecco ducale home made. State sereni, niente gelatiera..potete procedere a leggere il post! Lo sapete già perché ne abbiamo già parlato, il mio cuore di panna più che a forma di cornetto è a forma di..Stecco Ducale! Non so da quanti decenni esista, ma il 

Nana ice cream al cacao

Nana ice cream al cacao

Nana ice cream al cacao.

Voi lo vedete così lucido, godurioso e pieno di cioccolato ma…e se vi dicessi che questo gelato ha solo due ingredienti, niente zucchero e niente lattosio e si fa nel mixer? Esatto, niente gelatiera!

Forse qualcuno lo conosce già, è un gelato vero e proprio che si realizza a partire da…due banane a rondelle congelate! Un po’ di cacao, qualche cucchiaio di liquido e si mette tutto nel tritatutto! Qualche minuto di lavorazione e avrete un gelato sano, senza conservanti e personalizzabile: nocciole tritate, frutta fresca, del caramello per chi non ha intolleranza al lattosio, scaglie di cioccolato, cialde croccanti…quello che volete!

Se non avete banane moribonde nel cesto della frutta compratele, fatele maturare e conservatela a rondelle in freezer: avrete già la base pronta quando vi prende voglia di gelato!

Nana ice cream al cacao

 

NANA ICE CREAM AL CACAO 

Preparazione: 5 min.+ riposo.    Dosi: 2 persone

Ingredienti:

  • 2 banane abbastanza mature
  • 2 cucchiai rasi di cacao amaro – io uso questo
  • 2 cucchiai di latte di soia* (o latte normale o anche acqua!)
  • 1 cucchiaio di sciroppo d’acero – facoltativo, serve più che altro alla consistenza

 

Sbucciate due banane ben mature, tagliatele a rondelle e congelatele in un sacchetto per alimenti, ben distanziate tra loro. Ci vorranno almeno tre ore, ma meglio tutta la notte.

Inserite nel mixer con le lame o nel bicchiere di un frullatore il cacao amaro, il latte e lo sciroppo d’acero se lo avete e se volete, ma è facoltativo, potrete ometterlo tranquillamente! Unite le rondelle di banana e iniziate a lavorare il composto con scatti da 10 secondi l’uno intervallati da una pausa.

Ogni tanto, aprite il coperchio e aiutatevi con una spatola per raccogliere il composto verso le lame: potreste anche aggiungere un cucchiaio in più di latte o bevanda, ma meglio pazientare e lavorare il composto finché diventerà omogeneo e cremoso, altrimenti rischierete che diventi troppo morbido.

Sporzionate nelle coppette e conservate in freezer. Estrarre 5 minuti circa prima di servire – dipende anche dalla temperatura esterna – e guarnire con frutta fresca, scaglie di cioccolato, cialde, etc..

 

I miei consigli:

  • Per una versione vegan usate il latte di soia, per una versione lactose-free ma più cremosa aggiungete anche un cucchiaino di miele. Se invece volete la versione classica, usate latte vaccino e aggiungete un cucchiaino di sciroppo di glucosio o latte condensato.
  • Tenete sempre delle rondelle di banana congelate in freezer di scorta: quando avrete voglia di gelato, in 5 minuti sarà pronto!
  • Per altre idee con gelato, dai un occhio qui!
Sbrisolona pesche e rosmarino

Sbrisolona pesche e rosmarino

Sbrisolona pesche e rosmarino. Ok, va bene, lo so che c’è da accendere il forno, ma vi giuro che è davvero una ricetta zero sbatti e soprattutto pensateci bene: lo accendete una volta, magari ci schiaffate qualche teglia di verdure per ottimizzare l’accensione, ci infilate