English muffin per il brunch domenicale

English muffin per il brunch domenicale
English muffin per il brunch domenicale
La prima volta che ho provato questa ricetta ero davvero scettica, perché questa cosa di cuocere un lievitato in padella mi convinceva il giusto, mi sembrava presagire un flop totale dopo la tanto attesa lievitazione.
Ma ormai avevo predisposto nei minimi dettagli il brunch da preparare, ancora non me la sentivo di buttarmi sui bagels che mi spaventavano ancor di più, quindi – previa munizione di un pacco di pane da toast da aprire in caso che avessi buttato via  tutto – mi sono cimentata.
 
Il mio classico cscetticismo unito alla scarsa fiducia nelle mie capacità mi fa sempre partire estremamente prevenuta e invece…questa è diventata la mia ricetta insostituibile per questi deliziosi panini: nei consigli in fondo trovate quali sono i modi per servirli alla maniera più classica, ma potrete ovviamente sbizzarrirvi con la farcitura!
 
Ricetta facilissima, basta organizzarsi un po’ per i tempi di attesa della lievitazione che comunque non sono lunghi, cottura no problem direttamente in padella assolutamente più che riuscita, senza la rottura di dover accendere il forno…la parte più difficile è sbizzarrirsi con le farciture!
 

english muffin per il brunch

 
ENGLISH MUFFIN
PER IL BRUNCH DOMENICALE
 
 
 Preparazione: 10 minuti     Cottura: 15 minuti     Dosi: 8 persone 
 
Ingredienti:   
  • 300 g di latte intero (oppure 200 g di latte e 100 g di acqua)
  • 25 g di zucchero
  • 21 g di lievito di birra fresco (o 7 g secco)
  • 50 g di burro a temperatura ambiente
  • 420 g di farina 00
  • 30 g semola
  • 1/2 cucchiaino di sale

Per preparare gli english muffin iniziate pesando tutti gli ingredienti così da averli a disposizione.

In una casseruola o al microonde mettete il latte a scaldare: non dovrà essere caldo, ma leggermente tiepido, quindi con poca differenza rispetto alla temperatura corporea se ci immergiamo l’indice dentro. Sciogliamo all’interno il lievito di birra fresco.

Nella ciotola della planetaria o in un contenitore capiente le due farine, la soluzione di latte e lievito, lo zucchero e iniziate a impastare, a mano o con il gancio; aggiungete anche il sale poi, una volta che l’impasto risulterà incordato, inserire il burro a tocchetti morbido e impastare ancora per circa 5-10 minuti, finché risulterà liscio e ben incordato. (Se non avete la planetaria e state valutando l’acquisto, fate un salto qua sul mio shop Amazon, dove vi seleziono quella che secondo me vale la pena acquistare!

Trasferire l’impasto in un contenitore leggermente unto con olio d’oliva, coprire con un panno avvolgendo bene la ciotola e lasciate lievitare per un’ora – o comunque fino a raddoppio – lontano da sbalzi di temperatura.

Prendete l’impasto, sgonfiatelo con il palmo delle mani lasciandolo abbastanza alto, circa 2 cm. Con un coppapasta ricavate dei dischi, lasciateli riposare su carta forno coperti con un panno per circa 40 minuti minuti. L’impasto crescerà di volume.

Quando saranno lievitati scaldate a fuoco alto una padella antiaderente oppure leggermente unta con olio di oliva e lasciate cuocere gli english muffin per 2 minuti su ciascun lato, poi abbassate la fiamma e proseguite con 4 minuti su ogni lato.

 

I miei consigli:
  • Non mettete il latte troppo caldo a contatto col lievito, potrebbe comprometterne la sua funzione e non far lievitare correttamente i muffin. Se avete un panno di lana, avvolgete la ciotola con un asciughino e poi con la lana, la lievitazione sarà al riparo da correnti d’aria.
  • Se volete aromatizzare i muffin potete inserire insieme alla farina dei semi o delle spezie a vostro piacimento.
  • Trovate un intero articolo sulla versione migliore – almeno secondo il mio gusto – e più famosa degli english muffin: quella che li vede utilizzati come base per le eggs benedict o florentine, ovvero uova poché su un letto di pancetta croccante o spinaci, e servite con una salsa olandese buonissima. Io li ho preparati per voi e trovate la ricetta e il procedimento qui!

Commenta via Facebook



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *