Tag: cacao

Tortine capresi all’olio di oliva

Tortine capresi all’olio di oliva

Tortine capresi all’olio di oliva. Forse dalle stories avrete visto che sono nella patria di questo dolce di cui proprio oggi volevo condividere la ricetta: forse già da questo indizio avete capito di cosa si tratta! Ma andiamo per gradi… Metti insieme una ricetta passata 

Bonèt piemontese al cacao

Bonèt piemontese al cacao

Bonèt piemontese al cacao. Non mi dite che a voi non piacciono gli amaretti, perché vi placco subito e vi avverto che in questa ricetta tradizionale ho messo anche un’opzione “no amaretti” che è prevista dalla tradizione in alcune zone del Piemonte: quindi sì, questo 

Cantucci al cacao con nocciole e arancia

Cantucci al cacao con nocciole e arancia

Cantucci al cacao con nocciole e arancia.

E qui già lo so che i puristi della tradizione mi lapideranno, e mi diranno che la versione tradizionale e classica non si tocca, che questi non si possono chiamare cantucci etc etc etc , ma da un lato questa ricetta non ha nessuna pretesa iconoclasta e dall’altro penso anche che se facessimo solo le ricette tradizionali…non esisterebbero i food blogger praticamente! 

Quindi che nessuno si offenda, questa è la mia versione al cacao dei cantucci da inzuppo – se non sapete perché non si possono chiamare “biscotti di Prato”  andate a leggere qui, nell’articolo sulla versione classica vi faccio lo spiegone! – ovvero biscotti molto duri da inzuppare in un vino liquoroso, nella fattispecie il Vin Santo, ma andranno bene anche un passito o altri vini dolci…già che ci siamo a rompere la tradizione, freghiamocene del tutto!

Ci ho messo le nocciole e le arance di Oplì, oltre ad usare la farina di grano Verna tipo 1 sempre presa da loro: in quanto a prodotti bio e di produzione artigianale toscana sono imbattibili!

cantucci al cacao con nocciole e arancia

 

CANTUCCI AL CACAO

CON NOCCIOLE E ARANCIA

Preparazione: 15 minuti     Cottura: 25-30 min. circa    Dosi: circa 25 pezzi

Ingredienti:

  • 220 g di farina grano Verna di Tipo 1 (andrà bene anche la 00)
  • 30 g di cacao amaro in polvere
  • 160 g di zucchero
  • 130 g di nocciole – io mix nocciole e mandorle
  • 1 uovo e un tuorlo 
  • Scorza di due arance  BIO
  • 1 cucchiaino di lievito
  • 1 pizzico di sale
  • 60 g di cioccolato fondente 
  • 1 cucchiaio succo di arancia o Vin Santo – se necessario

 

Per spennellare:

  • Un uovo sbattuto
  • Q.b. zucchero semolato o di canna

 

 

Per preparare i Cantucci toscani iniziate tostando leggermente le mandorle e le nocciole, in forno a 150°-160° per 5- 6 minuti o in padella a fiamma lentissima scuotendola ogni tanto, in modo che rilascino gli olii essenziali e sprigionino il loro profumo. Tenetele da parte a freddare.

Tritate grossolanamente il cioccolato.

Su una spianatoia, versate a fontana la farina setacciata con il lievito e il cacao amaro, poi create una cavità al centro: inserite lo zucchero, il sale, le uova e la scorza di arancia.

Iniziate a impastare dal centro, amalgamando zucchero e uova, poi incorporate la farina progressivamente e impastate fino a creare un impasto omogeneo: se mentre lo lavorate risultasse troppo morbido, inserite poca farina in più, se risultasse troppo secco, inserite un cucchiaio di succo di arancia o anche di Vin Santo. A questo punto, inserite le mandorle tostate ormai fredde e il cioccolato tritato  e impastate brevemente per incorporarli nel panetto. Se avete modo, fate riposare l’impasto il frigorifero per 30 minuti o anche un giorno intero, altrimenti procedete subito alla fase successiva (io non ho quasi mail il tempo ma…fate vobis!).

 

Riscaldate il forno a 180°. Spolverizzate il piano di lavoro con poca farina, dividete in due l’impasto e formate dei filoncini, alti circa 2 cm e larghi circa 6. Adagiateli su una teglia rivestita di carta da forno, sbattete un uovo e spennellate i due filoncini su tutta la superficie, spolverizzate con poco zucchero e infornateli 20 minuti circa.

Trascorso questo tempo, estraeteli dal forno lasciateli freddare qualche minuto e abbassate la temperatura a 160°: con un coltello affilato tagliate ogni filoncino con tagli diagonali a distanza di circa 1 cm e mezzo, ribaltateli su un lato e infornateli per circa 3 minuti (monitorate la cottura, accertandovi che per le caratteristiche del vostro forno i 3 minuti non siano troppi) poi estraete la teglia, rigirateli sull’altro lato ripetendo la biscottatura.

 

Lasciate freddare completamente, poi inserite in una scatola di latta: si conserveranno molto a lungo, per questo saranno perfetti anche da regalare confezionati a tema!

 

cantucci al cacao con nocciole e arancia

I miei consigli:

  • Potete preparare anche una dose doppia di cantucci, si conserveranno davvero anche settimane nella scatola di latta: questo li rende adatti anche per essere confezionati e regalati!
  • Il succo di arancia potrebbe non servirvi, usatelo se vedete che l’impasto fatica a tenersi insieme in un panetto omogeneo.
  • Questa è la versione dei cantucci da inzuppo, dunque quelli duri, che si conservano al meglio – perfetti anche per essere regalati – da inzuppare nel Vin Santo. Qualora li preferiste più friabili, aggiungete alle parti umide anche 50-60 g di burro morbido e procedete come da ricetta.
Profiteroles Tiramisù

Profiteroles Tiramisù

Profiteroles tiramisù Per me tiramisù=mamma. È il dolce con cui ho festeggiato decine di compleanni, fatto da lei, con il suo piccolo segreto che i puristi inorridirebbero, ma allo stesso tempo tradizionalissimo nel rigoroso impiego di savoiardi e mai altri biscotti. Per questo fatico a 

Ciambellone variegato senza uova

Ciambellone variegato senza uova

Ciambellone variegato senza uova. In pasticceria le sostituzioni degli ingredienti sono sempre un problema, lo so. Infatti credo sia una delle domande più frequenti che mi vengono fatte ai corsi: “Ma il burro come lo sostituisco?” “Ma le uova come posso ometterle?” Purtroppo nei dolci 

Bundt cake al cacao ripiena di cheesecake

Bundt cake al cacao ripiena di cheesecake

bundt cake al cacao ripiena di cheesecake.

Questa è una di quelle ricette che volevo fare da tempo, mi era rimasta in mente ma in un angolino, messa lì per la prima occasione.

In questa torta c’è tutto ciò che piace in famiglia: il cacao e il cioccolato, che per la torta perfetta non devono mancare mai – ma non per me che ne farei a meno – un gusto dolce acidulo che invece esigo io, che faccia da contrasto, come solo i miei amati frutti di bosco sanno fare – ribes, lamponi, per me unici frutti compagni degni del cioccolato – e una crema avvolgente, golosa e soffice, quella di una

Continue reading Bundt cake al cacao ripiena di cheesecake

Tortelli al cacao e gorgonzola

Tortelli al cacao e gorgonzola

Tortelli al cacao e gorgonzola. Un po’ di tempo fa accennavo al mio addio al nubilato, con questa ricetta è decisamente giunto il momento di parlarne. Una giornata che mi somiglia molto, Dr. Jackyll e Mr.Hyde, la quiete prima della tempesta, eventi contrastanti e insospettabili 

Plumcake avocado e cacao

Plumcake avocado e cacao

Plumcake avocado e cacao Devo ringraziare una persona e un mio difetto. La persona è Monique D’Anna, senza la quale questa foto sarebbe stata terribile: la composizione sua, i consigli suoi,  correzioni sue, di mio ci sono solo i props e il plumcake. Sostiene di 

Pan brioche ai tre colori

Pan brioche ai tre colori

Ho cercato di accontentare una richiesta questa settimana, tra quelle che mi erano arrivate nella box delle stories dove vi chiedevo quali ricette salate avreste voluto nel nostro ideale “cesto del pic nic”: qualcuno di voi mi aveva richiesto dei “pani particolari”, così era scritto. 

Mi è tornato subito in mente un pane che ho visto sul profilo di non mi ricordo chi – ma come mai ho la memoria di un pesce rosso nella boule di vetro? – e ho adattato la

Continue reading Pan brioche ai tre colori

Torta Banoffee senza cottura

Torta Banoffee senza cottura

Credo che ogni tanto si possa apprezzare la possibilità di realizzare un dolce senza accendere il forno: per me è un’anomalia, accendo il forno tanto quasi come la macchina del caffè, ma qualcuno potrebbe gradire il fatto che la base non va cotta,