Tag: cioccolato

Tronchetto esotico delle Feste

Tronchetto esotico delle Feste

Non so nemmeno se sia più di moda, in ogni caso niente “Best nine”, che quest’anno di ‘best’ c’è stato ben poco, più che altro è stato best-iale. E nemmeno buoni propositi, progetti impellenti o esigenze di rivoluzioni, la fine dell’anno per me è

Bundt cake di Natale

Bundt cake di Natale

Le persone che stanno, si immergono immobili dentro al porpora di un tramonto, lasciandolo scivolare dentro al buio. Le persone che stanno si insinuano nelle pieghe di un silenzio, muti e in ascolto, permettendogli di diventare consapevolezza. Le persone che stanno ridono del futile, galleggiando…

Torta Brownies alle nocciole

Torta Brownies alle nocciole

Ci sono giorni in cui faresti piazza pulita di tutto, di tutti. La mia natura dicotomica trova un palcoscenico eccezionale per dare il meglio di sé.
Ci sono giorni dove quella paura che ti porti dietro da sempre si materializza come la nebbia nell’aria, densa e opaca, asfissiante; sono quei giorni dove puoi fermarti a pensare e quello che ne

Continue reading Torta Brownies alle nocciole

Chocolate broccoli mini-cakes

Chocolate broccoli mini-cakes

Una mattina difficile, come tutte le giornate degli ultimi sei mesi. Nella narcotizzazione che crea un dolore fisico che ti abita dentro, con le occhiaie pesanti dopo l’ennesima notte che non dormo, con la lentezza mentale prima estranea che ora tento invano di vincere decido…

Madeleines alle castagne con cioccolato fondente

Madeleines alle castagne con cioccolato fondente

Le madeleine sono un dolce tipico francese, che si consuma tipicamente a merenda o a colazione, con un bel caffé, una cioccolata in tazza o un tè caldo: vengono anche chiamate “belle bosse” ovvero “bella gobba” proprio in riferimento al rigonfiamento che in cottura si…

Galette con pere Coscia e cioccolato

Galette con pere Coscia e cioccolato

Visto che la stagione estiva sta volgendo al termine e i colori iniziano a strizzare l’occhio a un’idea di ingiallimento settembrino, ho studiato a fondo questa variazione di galette…no via. Non è vero.
Ospite dell’ultimo minuto, dovevo improvvisare qualcosa a frigo completamente vuoto, non avevo frutta se non delle timide ma orgogliose perine Coscia che spuntavano dal cassetto della frutta: niente uova, niente burro, niente di niente. Quindi in preda alla mia attuale mania delle galette ho messo insieme i pezzi, pere chiamano cioccolato, abbinamento quasi autunnale chiama le castagne…farina di castagne. 
Ecco, è nata così questa galette che mi ha dato la stessa soddisfazione delle altre e che mi ha già proiettato nell’autunno che verrà.

Galette pere e cioccolato

 
GALETTE CON PERE COSCIA E CIOCCOLATO
 
Preparazione: 15 minuti     Cottura: 50 minuti     Dosi: 8 persone
 
 
Ingredienti:
  • 240 g di farina 00
  • 80 g di farina di castagne
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 2 cucchiaini di zenzero in polvere
  • 90 g di olio di semi di arachidi
  • 10 cucchiai di acqua
  • 10 pere
  • 80 g di zucchero di canna
  • 2 cucchiaini di succo di limone
  • 60 g di cioccolato fondente

 

Per la Galette pere Coscia e cioccolato iniziate dalla preparazione della frutta: pulite le pere e tagliatele in verticale realizzando delle fette sottili e rimuovendo i semi nelle fette centrali. Inseritele in una ciotola con lo zucchero di canne e il succo di limone, mescolate, coprite con un coperchio e fate riposare a temperatura ambiente per due ore.

Intanto dedicatevi alla brisé: in un mixer da cucina inserite la farina 00, quella di castagne, il sale e lo zenzero in polvere – che è facoltativo per cui potrete ometterlo se non lo avete – date un breve giro di lame per mescolare le polveri. Inserite poi l’olio di semi e l’acqua molto fredda, azionate il mixer a scatti progressivi finché non si formerà un impasto di briciole: finite di lavorare sul tagliere aggiungendo un po’ di farina o un po’ di acqua fredda a seconda che l’impasto risulti rispettivamente troppo morbido o poco compatto. Avvolgete nella pellicola e fate riposare in frigorifero per un’ora.

Quando l’impasto avrà riposato stendetelo con il mattarello a uno spessore di 2 o 3 mm, bucherellatelo coi rebbi di una forchetta poi prendete le fette di pera e disponetele sulla base in modo regolare, mantenendo da parte il succo che si sarà creato sul fondo della ciotola: ripiegate il bordi di pasta in eccesso verso l’interno per sigillare la frutta e infornatela a 160°C per 30 minuti nella parte bassa del forno. Trascorso questo tempo, estraete la galette e cospargete la superficie con le scaglie o gocce di cioccolato fondente, spennellate i bordi con del latte e infornate nuovamente nel ripieno medio per altri 20 minuti, proseguendo per qualche minuto se risultasse poco dorata in superficie.

Nel frattempo, inserite in succo avanzato dalla macerazione della frutta in una casseruola e portate ad ebollizione per due o 3 minuti, mescolando di tanto in tanto, ottenendo così uno sciroppo abbastanza liquido.

Estraetela e servite tiepida o a temperatura ambiente, spennellando le fette di pera con lo sciroppo ancora tiepido.

Galette pere e cioccolato

 

I miei consigli:
 
  • Realizzate la pasta in anticipo, anche il giorno prima, conservandolo in frigorifero; stessa cosa per le pere, che potranno riposare con lo zucchero in frigorifero per tutta la notte.
  • Variate la composizione della base della galette sostituendo alla farina di castagne la metà del peso di cacao amaro per una base al cioccolato, o con farine di frutta secca come mandorle o nocciole.
  • Servitela con un gelato alla panna o alla crema, con una crema inglese o anche da sola.
Torta diplomatica con frutta estiva

Torta diplomatica con frutta estiva

Ieri sono riuscita a lavarmi il viso solo prima di andare a letto. Ho indossato un vestito sporco per uscire e indumenti puliti per stare in casa. Le vecchie Birkenstock per andare fuori, quelle nuove per andare a fare la spesa. Ho seguito la fame…

Brownies from U.S.A.

Brownies from U.S.A.

Arriva con un sacchetto trasparente pieno di pezzi di cioccolata, glielo ha dato sua mamma, avanzi di un uovo di Pasqua gigante vinto per beneficenza. Me lo porge a braccio teso, con quella sua sottile timidezza mal celata da una stazza fisica notevole, da un’adorabile…

Éclair al cioccolato con glassa fondente

Éclair al cioccolato con glassa fondente

Un martedì pomeriggio, treno vuoto, in uno scompartimento a quattro.
Lei, capelli lisci mogano, naso irrealisticamente all’insù, occhiali grandi, eburnea. Di fronte, barbetta rossastra e occhi grigi, un anello all’indice, clarks ai piedi. Accanto, paffutello, polo di cotone, un giubbino antivento blu.
– “Ho già pronta la scheda del tuo personaggio, sei un bellissimo incantatore”- dice a lei – “mancano solo armi, competenze e equipaggiamento”.
– “Ma facciamo quello della palude all’alba? O hai scelto l’altro?” dice il paffutello.
– “Ti pare che il Master te lo riveli prima?” 
Ci metto un attimo a capire. Giochi di ruolo. Sprovvista di immaginazione, mi chiedo cosa ci trovino di bello. Parlano a voce forzatamente alta, il desiderio inconscio di farsi ascoltare aumenta i toni: l’atteggiamento da abituée della questione tradisce un filo di eccitazione per questo dialogo elitario. 
Il treno si muove, loro parlano, progettano, viaggiano su binari paralleli con la mente eppure li vedo lì, nel loro nichilismo, in una fuga ossessiva dalla realtà, schiavi di un’immaginazione gratificante, persi tra infinite possibilità surreali e un destino sterile, in astinenza da magie assurde, una sorta di delirio di onnipotenza protettivo contro i fallimenti della vita, un appiglio esoterico contro la noia di un mondo vero in cui si fatica a trovare uno spazio.
Mi tengo stretta la mia scarsa fantasia, la mia poca immaginazione, le mie radici salde alle realtà, i piedi per terra, la vita vera, i pianti e le risate che ti stravolgono, gli eventi che accadono e ti travolgono, le albe dal vivo ogni mattina, le frustrazioni e le soddisfazioni che mi cambiano una giornata. Il ruolo che ho nel gioco della vita di tutti i giorni.
 
 

Éclair al cioccolato con glassa fondente

 
 
ÉCLAIR AL CIOCCOLATO CON GLASSA FONDENTE
 
Preparazione: 40 minuti     Cottura: 15 minuti     Porzioni: 8 persone
 
Per la pasta choux:
  • 90 g di acqua
  • 80 g di burro
  • 1 pizzico di sale
  • 85 g di farina 00
  • 15 g di latte intero
  • 130 g di uova

Ingredienti per la crema pasticcera al cioccolato

  • 500 g di latte intero
  • 100 ml di panna da montare
  • 150 g di tuorli
  • 150 g di zucchero
  • 40 g di maizena
  • 100 g di cioccolato fondente

Ingredienti per la glassa

  • 15 g di burro
  • 20 g di latte intero
  • 100 g di cioccolato fondente
  • 30 g di zucchero

Preparazione

Iniziate dalla preparazione della pasta choux.

In una casseruola inserite acqua, burro a tocchetti e sale, accendete la fiamma e portate fino a ebollizione mescolando ogni tanto.

Quando il composto sul fuoco bolle, versate tutta in un colpo la farina mescolando energicamente con un mestolo di legno fino ad ‘asciugare’ il composto, il quale dovrà quindi staccarsi dalla base del pentolino.

Inserite la massa in planetaria con il gancio a foglia o in una ciotola capiente, inserire il latte freddo che aiuterà a far calare la temperatura e a dare una prima leggera idratazione al composto: quando avrà perso temperatura (circa 50°C, lo percepirete leggermente tiepido toccando la ciotola) iniziate ad incorporare un po’ di uova alla volta, lavorando con la foglia o con il mestolo, lasciando sempre assorbire il quantitativo inserito prima di versarne altro.

Scaldare il forno a 200°C. Preparate una teglia rivestita con carta da forno, inserite il composto in una tasca da pasticcere con bocchetta liscia o zigrinata diametro 1 cm e spremete sulla carta l’impasto creando un bastoncino allungato di 9-10 cm di lunghezza, informate e cuocete per circa 12-15 minuti senza mai aprire il forno, poi fate fuoriuscire il vapore incastrando tra bocca e sportello del forno un mestolo e togliete per far freddare.

Éclair al cioccolato con glassa fondente

Dedicatevi alla crema pasticcera al cioccolato: in una casseruola molto capiente versate panna e latte, portate a sfiorare il bollore a fuoco lento. Intanto, tritate finemente il cioccolato previsto in ricetta.

In una ciotola, versate zucchero, tuorli e iniziate subito a lavorare con la frusta, facendo sciogliere bene lo zucchero, incorporate la maizena e amalgamate ancora brevemente. Quando il latte inizierà a sobbollire, togliete le bucce del limone, versate tutto il pastello nel latte e con una frusta a mano mescolate rapidamente finché la crema inizierà a “tirare”, ovvero ad addensarsi.

Proseguite per qualche istante e poi togliete dal fuoco, inserite il cioccolato tritato e mescolate fino a completo scioglimento. Versate la crema in un contenitore basso e largo per accelerare i tempi di raffreddamento, mescolandola bene per far scendere la temperatura iniziale. Coprite con pellicola alimentare a contatto e conservate in frigo.

Preparate la glassa inserendo tutti gli ingredienti – lo zucchero si può benissimo omettere – in una casseruolina e facendo sciogliere gli ingredienti mescolando bene.

Versate la crema fredda in una tasca da pasticcere e inseriteci la crema al cioccolato, forate la base degli éclair in tre punti – due alle estremità della base e uno centrale e farcitelo bene. Poi tuffate la superficie superiore nella glassa liquida ma non bollente e fate rapprendere in frigorifero.

Éclair al cioccolato con glassa fondente

 

I miei consigli:
 
  • Quando cuocete gli éclair cercate di fare attenzione- come per i bignè – a non aprire la porta del forno prima del tempo, altrimenti il vapore fuoriuscirà dal forno e gli éclair si abbasseranno perdendo il loro gonfiore. Solo quando sono ben dorati, quindi si sarà formato il guscio, potremmo aprire il forno e far stemperare il vapore.
  • Per un risultato più preciso, potrete anche farcire gli éclair non dalla base ma dalla superficie superiore, coprendo poi i forni della crema con la glassa: in questo modo il risultato estetico sarà più pulito e la crema non fuoriuscirà dalla base degli éclair.
Crostata intrecciata di ricotta, semolino e cioccolato

Crostata intrecciata di ricotta, semolino e cioccolato

Avevamo percorso diverse volte quella piccola stradina che attraversava in pochi minuti il paese di tufo, sospeso nell’aria e nel tempo, appoggiato sulla terra e affacciato sul niente. Una stagione di risveglio, l’odore dei camini strizza l’occhio alla neve andata via da poco mentre le…