Tag: arancia

Torta agli agrumi e semi di papavero

Torta agli agrumi e semi di papavero

Torta agli agrumi e semi di papavero.   Se ripenso che ho girato questo video a settembre, sudando nel vestito di lana e stordita dagli addobbi natalizi quando ancora si vedevano pesche e susine mi viene da sorridere: il Natale, più mi sta antipatico e 

Crema ricotta e caprino con fragole all’arancia

Crema ricotta e caprino con fragole all’arancia

Crema ricotta e caprino con fragole all’arancia Un dolce come piace a me: ingredienti semplici ma di eccellente qualità, si prepara in 10 minuti  – davvero – e ha quel contrasto dolce acidulo che mi fa impazzire, contrasti di sapori e profumi che appagano totalmente 

Bavarese fragole e arancia

Bavarese fragole e arancia

Bavarese fragole e arancia.

Questa volta sì, è stato fatto apposta! 

Capito di cosa parlo? Guardate bene la foto! Per una volta che è stato fatto appositamente, ce ne sono decine in cui mi sono accorta solo dopo dello scomodo intruso, concentrata come sono a guardare i dettagli di composizione è incredibile come non mi accorga dello scomodo ospite che campeggia in mezzo alla scena!

Ogni volta mi sento scema, e quando va bene sono ancora lì pronta a porre rimedio ma quando va male la torta è stata già mangiata – o regalata – il set smontato da mo’ e…nulla, tutto da rifare da capo!

Spero abbiate capito che l’ospite inquietante è il mio telefono, che di solito uso per scattare le foto da remoto e ogni tanto me lo “dimentico” – come faccio non si sa – sul set!

Detto questo, la vera protagonista sarebbe la bavarese, studiata a partire da una cosa che fa sempre la mia mamma a fine pasto in primavera: condisce le fragole con pochissimo zucchero ma con il succo di arancia e un pi’ di scorza in infusione: io le trovo buonissime, sono ormai un must di casa mia, una routine stagionale che negli anni segna lo scandire del tempo attraverso consuetudini che rimarranno nella memoria. 

Non temete, non è così difficile, l’importante sarà avere uno stampo in silicone (anche non sagomato andrà benissimo) per poter congelare e sformare bene il dolce! 

Bavarese fragole e arancia

 

BAVARESE FRAGOLE E ARANCIA

Preparazione: 60 minuti + riposo     Dosi: stampo in silicone a ciambella 20-22 cm

Per la crema inglese:

  • 100 ml di latte fresco intero
  • 100 ml di panna fresca
  • 50 g di tuorli (circa 2 grandi)
  • 20 g di zucchero semolato
  • 1 pizzico di sale
  • q.b. semi di vaniglia Bourbon
  • scorza di mezza arancia non trattata

Per la bavarese:

  • 280 g di fragole al netto degli scarti + q.b. per guarnire
  • 50 g di zucchero semolato
  • succo di mezza arancia
  • scorza grattugiata di mezza arancia
  • 12 g di gelatina alimentare in fogli
  • 380 g di panna fresca

Per la base (facoltativa):

  • *vedi i consigli in fondo

 

 

Scaldate in una casseruola latte, panna e scorza di mezza arancia tagliata grossa. A parte unite i tuorli con zucchero, vaniglia e sale e lavorate con una frusta a mano. Quando il latte sarà caldo, filtratelo nel composto di uova rimuovendo le scorze, rimettete tutto sul fuoco e scaldatelo fino a 85° mescolando con un leccapentole – non con la frusta! Se non avete il termometro, cuocete circa 8-10 minuti massimo a fiamma medio bassa, fermandovi quando la crema inglese “vela il leccapentole”, ovvero passando un dito sul leccapentole sporco rimane una traccia en visibile del composto.

Versate in una ciotola – se è stata in freezer ancora meglio, coprite con pellicola alimentare e lasciate intiepidire a temperatura ambiente.

Intanto tagliate le fragole, conditele con succo di arancia, la scorza grattugiata e lo zucchero. Mescolate e lasciate riposare finché si creerà il succo.

Semimontate la panna, che dovrà rimanere morbida, non troppo densa, e lasciatela in frigorifero.

frullate con il minipimer le fragole fino a ottenere una purea omogenea, filtratela se non volete che rimangano i semini all’interno del dessert. 

Mettete a bagno la gelatina in acqua fredda, finché si ammorbidirà. Strizzatela bene e scioglietela in un cucchiaio di purea di fragole precedentemente scaldato, unite il tutto alla restante pure, poi miscelate insieme alla crema inglese.

Inserite questo composto in una boule capiente e incorporate la panna semimontata, mescolando dal basso verso l’alto delicatamente, ruotando anche la ciotola mentre girate, in modo da non smontare il composto.

Versatelo nello stampo di silicone (per la bavarese ho usato questo, che potrete comprare direttamente dal link nel mio shop affiliato Amazon) e inserite in freezer almeno 3-4 ore, meglio es tutta la notte (ovviamente potrete anche lasciarla pià giorni, avvantaggiandovi per esempio se avete una cena). 

Sformate poi il dolce su un piatto di portata e inseritelo in frigorifero per far riprendere temperatura positiva.

Servite la bavarese fragole e arancia con fragole fresche appena tagliate, ciuffi di panna montata e meringhette.

bavarese fragole e arancia

I miei consigli:

  • Potrete realizzare la bavarese e sformarla sul piatto di portata così com’è, per farla riposare in frigorifero. La sporzionatura risulterà meno elegante, perché non ‘è una base che isolerà la crema dal piatto. Non è assolutamente un problema, ma se volete vi do due spunti interessanti per porre rimedio:

1 – realizzate un pan di spagna (potete anche seguire le dosi usate per  questo dolce) e ponete una fetta sottile in superficie dopo aver versato la bavarese nello stampo: potrete lasciare da parte un p’ di succo delle fragole prima di frullarle, così bagnerete con quello il pan di spagna per inumidirlo a dovere.

2 – se avete un p’ di frolla, realizzate un disco di frolla – classica, al cacao, come volete! – dello stesso diametro della base del dolce: una volta cotto, lo poggerete sul piatto di portata prima di sformare sopra la bavarese congelata, e lascerete così in frigorifero a riprendere temperatura positiva. Aggiungerà anche un elemento croccante al dessert.

  • Una finezza in più che potrete fare è questa: portate a ebollizione la panna che userete per la bavarese insieme alle scorze di mezza arancia, togliete dal fuoco, fate riposare a temperatura ambiente poi inserite in frigorifero a freddare di nuovo. Solo prima di montarla toglierete le scorze, in questo modo assumerà un profumo di arancia ancora più spiccato!

 

Mezze maniche con salsa di noci e profumo di arancia

Mezze maniche con salsa di noci e profumo di arancia

Mezze maniche con salsa di noci e profumo di arancia. Ho un ricordo associato a questo connubio di ingredienti: erano dei crostini che faceva la mia zia, ogni Natale. Glieli chiedevo sempre per assicurarmi che ci fossero sulla tavola, ero e sono tutt’ora un’amante delle 

Biscotti noci e arancia

Biscotti noci e arancia

Biscotti noci e arancia Il mio livello di rincoglionimento è questo. Segno delle ricette di cui rifare le foto, nella lista compaiono: biscotti alle noci biscotti arancia e cannella programmo quando farli e incastro tutto, penso “rifaccio solo le foto così le sostituisco alle vecchie 

Cantucci al cacao con nocciole e arancia

Cantucci al cacao con nocciole e arancia

Cantucci al cacao con nocciole e arancia.

E qui già lo so che i puristi della tradizione mi lapideranno, e mi diranno che la versione tradizionale e classica non si tocca, che questi non si possono chiamare cantucci etc etc etc , ma da un lato questa ricetta non ha nessuna pretesa iconoclasta e dall’altro penso anche che se facessimo solo le ricette tradizionali…non esisterebbero i food blogger praticamente! 

Quindi che nessuno si offenda, questa è la mia versione al cacao dei cantucci da inzuppo – se non sapete perché non si possono chiamare “biscotti di Prato”  andate a leggere qui, nell’articolo sulla versione classica vi faccio lo spiegone! – ovvero biscotti molto duri da inzuppare in un vino liquoroso, nella fattispecie il Vin Santo, ma andranno bene anche un passito o altri vini dolci…già che ci siamo a rompere la tradizione, freghiamocene del tutto!

Ci ho messo le nocciole e le arance di Oplì, oltre ad usare la farina di grano Verna tipo 1 sempre presa da loro: in quanto a prodotti bio e di produzione artigianale toscana sono imbattibili!

cantucci al cacao con nocciole e arancia

 

CANTUCCI AL CACAO

CON NOCCIOLE E ARANCIA

Preparazione: 15 minuti     Cottura: 25-30 min. circa    Dosi: circa 25 pezzi

Ingredienti:

  • 220 g di farina grano Verna di Tipo 1 (andrà bene anche la 00)
  • 30 g di cacao amaro in polvere
  • 160 g di zucchero
  • 130 g di nocciole – io mix nocciole e mandorle
  • 1 uovo e un tuorlo 
  • Scorza di due arance  BIO
  • 1 cucchiaino di lievito
  • 1 pizzico di sale
  • 60 g di cioccolato fondente 
  • 1 cucchiaio succo di arancia o Vin Santo – se necessario

 

Per spennellare:

  • Un uovo sbattuto
  • Q.b. zucchero semolato o di canna

 

 

Per preparare i Cantucci toscani iniziate tostando leggermente le mandorle e le nocciole, in forno a 150°-160° per 5- 6 minuti o in padella a fiamma lentissima scuotendola ogni tanto, in modo che rilascino gli olii essenziali e sprigionino il loro profumo. Tenetele da parte a freddare.

Tritate grossolanamente il cioccolato.

Su una spianatoia, versate a fontana la farina setacciata con il lievito e il cacao amaro, poi create una cavità al centro: inserite lo zucchero, il sale, le uova e la scorza di arancia.

Iniziate a impastare dal centro, amalgamando zucchero e uova, poi incorporate la farina progressivamente e impastate fino a creare un impasto omogeneo: se mentre lo lavorate risultasse troppo morbido, inserite poca farina in più, se risultasse troppo secco, inserite un cucchiaio di succo di arancia o anche di Vin Santo. A questo punto, inserite le mandorle tostate ormai fredde e il cioccolato tritato  e impastate brevemente per incorporarli nel panetto. Se avete modo, fate riposare l’impasto il frigorifero per 30 minuti o anche un giorno intero, altrimenti procedete subito alla fase successiva (io non ho quasi mail il tempo ma…fate vobis!).

 

Riscaldate il forno a 180°. Spolverizzate il piano di lavoro con poca farina, dividete in due l’impasto e formate dei filoncini, alti circa 2 cm e larghi circa 6. Adagiateli su una teglia rivestita di carta da forno, sbattete un uovo e spennellate i due filoncini su tutta la superficie, spolverizzate con poco zucchero e infornateli 20 minuti circa.

Trascorso questo tempo, estraeteli dal forno lasciateli freddare qualche minuto e abbassate la temperatura a 160°: con un coltello affilato tagliate ogni filoncino con tagli diagonali a distanza di circa 1 cm e mezzo, ribaltateli su un lato e infornateli per circa 3 minuti (monitorate la cottura, accertandovi che per le caratteristiche del vostro forno i 3 minuti non siano troppi) poi estraete la teglia, rigirateli sull’altro lato ripetendo la biscottatura.

 

Lasciate freddare completamente, poi inserite in una scatola di latta: si conserveranno molto a lungo, per questo saranno perfetti anche da regalare confezionati a tema!

 

cantucci al cacao con nocciole e arancia

I miei consigli:

  • Potete preparare anche una dose doppia di cantucci, si conserveranno davvero anche settimane nella scatola di latta: questo li rende adatti anche per essere confezionati e regalati!
  • Il succo di arancia potrebbe non servirvi, usatelo se vedete che l’impasto fatica a tenersi insieme in un panetto omogeneo.
  • Questa è la versione dei cantucci da inzuppo, dunque quelli duri, che si conservano al meglio – perfetti anche per essere regalati – da inzuppare nel Vin Santo. Qualora li preferiste più friabili, aggiungete alle parti umide anche 50-60 g di burro morbido e procedete come da ricetta.
Babka all’arancia e frutti di bosco

Babka all’arancia e frutti di bosco

Babka all’arancia e frutti di bosco A parte il fatto che il suo nome – che si declina con l’articolo femminile, perché babka significa “nonna”, quindi è LA babka – di per sé mi genera un trasporto positivo, mi piace utilizzare delle ricette di base 

Bundt cake zucca, arancia e cannella

Bundt cake zucca, arancia e cannella

Bundt cake zucca, arancia e cannella. Lo so già che amerete questa ricetta, e vi do diversi buoni motivi. Intanto è sì una torta con la zucca, che tanto lo sappiamo che in questo periodo non si vede altro, ma non dovrete ammattire per fare 

Orange curd

Orange curd

Piccole. Profumate. Stralci rossi sulla buccia. Tre indizi che vogliono dire una cosa sola: arance rossissime e piene di succo dolce come il miele. Ne ho tagliata una e mi sembrava sanguinasse da quanto polpa e succo erano scuri, non è sempre facile dalle mie parti trovarle di questa qualità. 

Ecco perché per qualche giorno vi ammorberò un po’ con gli agrumi, in particolare

Continue reading Orange curd

Torta mimosa fragole e arancia

Torta mimosa fragole e arancia

Sarò super impopolare con l’affermazione che sto per fare, ma ormai ci sono abituata perché molto spesso ho opinioni controccorente: a me le torte Mimosa coi cubetti di pan di spagna non piacciono!  E sì che si vedono in giro foto meravigliose-impeccabili-superlative che alla mia