Ultime ricette

Ciambellone carote, noci e cannella

Ciambellone carote, noci e cannella

Ciambellone carote, noci e cannella. Credo di non essere l’unica, ma a me dicembre mette voglia di viaggiare. Magari il motivo non è dei più socialmente accettabili, la verità è che amo essere altrove quando arriva natale, una festa che salterei volentieri, che mi lascio 

Mele ripiene al forno con cannella

Mele ripiene al forno con cannella

Mele ripiene al forno con cannella. Qualche tempo fa vi parlavo del circolo vizioso degli ingredienti per chi fotografa cibo. Quello per cui ho bisogno di mele per la ricetta, poi di altre per il set, quindi mi avanzano le mele, e che ci faccio 

Tartellette con crema di broccoli, uova di quaglia e alici

Tartellette con crema di broccoli, uova di quaglia e alici

Tartellette con crema di broccoli, uova di quaglia e alici.

Vi avevo già parlato di questa iniziativa, e proprio in quell’occasione mi avete dato tanti spunti in più per cercare di non sprecare – in cucina, come nella vita di tutti i giorni – quindi condivido con voi i suggerimenti:

– chiudere l’acqua mentre si lavano le mani o si fa la doccia (io sulla doccia mi sto davvero impegnando, sono freddolosissima!)

– acquistare elettrodomestici che abbiano classe energetica A+ (costano di più ma consumano meno)

– fare obbligatoriamente la raccolta differenziata (non lo avevo detto perché non concepisco altri metodi ma…non si sa mai!)

– acquistare prodotti sfusi come saponi o legumi e frutta secca

– comprare pochissimi detersivi per la casa, solo i necessari e quelli con packaging più sostenibile

– evitare le cannucce nei drink (questo non ci avevo pensato perché esco meno di Mina!)

– riutilizzare i fondi del caffè come assorbi odori in frigorifero

Cene sarebbero davvero tantissime, e tante sono le cose che potremmo davvero fare tutti: tra le altre anche quello di utilizzare gli olii di conservazione come @delicius_official sostiene nella sua campagna “NoAlloSpreco”, che invita a condire le ricette che prevedono le alici con il loro olio di conservazione!

Questa è la mia seconda ricetta, a metà tra cucina e pasticceria, diciamo di pasticceria salata che andrà bene per aperitivo, antipasto o per allestire un bel buffet!

 

 

 

TARTELLETTE CON CREMA DI BROCCOLI,

UOVA DI QUAGLIA E ALICI

Preparazione: 45 minuti     Dosi: 8 tartellette Ø10 cm

Per la frolla salata:

  • 130 g di farina 00
  • 130 g di farina di tipo 1
  • 120 g di burro a temperatura ambiente
  • 40 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • 2 cucchiaini di erbe disidratate miste
  • 2 tuorli
  • 1 uovo intero medio
  • 5 g di sale
  • ½ cucchiaino di lievito per torte salate

Per la crema di broccoli:

  • 200 g di broccoli lessi o cotti al vapore
  • 1 cucchiaio di olio di conservazione delle alici
  • 120 ml di latte fresco
  • 15 g di burro
  • 15 di farina
  • 50 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • Sale
  • Pepe

Per guarnire:

  • 8 uova di quaglia fresche
  • 16 alici in olio di oliva Delicius
  • Qualche chicco di melograno
  • Prezzemolo fresco

 

Iniziate dalla frolla salata, anche se non dovrà riposare molto in questa versione.

Inserite in una boule le farine miscelate con il sale e il lievito chimico, unite al centro uovo, tuorli, Parmigiano grattugiato, erbe miste e burro morbido a tocchetti. Lavorate impastando tra loro gli ingredienti umidi poi incorporate anche i secchi, fino a ottenere un impasto omogeneo. Avvolgetelo nella pellicola e – se avete tempo – fatelo riposare in frigorifero.

Dedicatevi alla crema di broccoli: fondete il burro in una casseruola capiente, inserite la farina e lavorate con un mestolo. Versate all’interno il latte, un pizzico di sale e del pepe, girate il composto sulla fiamma media finché vi accorgerete che si addensa. Fuori dalla fiamma unite il Parmigiano grattugiato e fatelo sciogliere completamente, poi inserite i broccoli tagliati grossolanamente, l’olio delle alici e lavorate il composto con il minipimer. Aggiustate di sale e di pepe se necessario, poi inserite la crema in una ciotola e lasciate in frigorifero fino al momento di usarla.

Scaldate il forno a 180°. Estraete dal frigorifero la frolla salata, stendetela con un matterello a uno spessore di 4 mm circa e foderate con la frolla degli stampini da tartelletta del diametro di 10 cm. Se volete, dagli scarti realizzate delle decorazioni con dei piccoli taglia biscotti (io ho usato questi, li potete ordinare direttamente da qui, sul mio shop Amazon). Cuocete in forno statico circa 15-20 minuti, controllando la doratura della superficie delle tartellette. Sfornate e fate freddare.

Intanto, lessate le uova di quaglia circa 4-5 minuti in acqua bollente, poi fatele freddare.

Con un cucchiaio o con l’aiuto di una tasca da pasticcere inserite la crema di broccoli nelle tartellette, livellate la superficie e guarnite con i filetti di alici, l’uovo di quaglia sgusciato e diviso a metà, qualche ciuffo di prezzemolo e dei chicchi di melograno, insieme alle decorazioni di frolla salata.

 

 

I miei consigli:

  • Per un gusto ancora più spinto, inserite delle alici anche nella crema di broccoli, lavorandole insieme al composto quando frullate con il minipimer.
  • Se volete potete sostituire il burro della crema di broccoli con altrettanto olio di conservazione delle alici, recuperando anche questo prezioso ingrediente.
  • Se realizzate le decorazioni cuocetele assieme alle tartellette ed estraetele dal forno prima di quest’ ultime, quando vedrete che sono ben dorate.
  • Potrete anche realizzare una torta unica usando uno stampo da crostata diametro 18-22 cm da tagliare poi a fette: per altre idee per l’aperitivo, date qua un occhio!

 

Tortelli al cacao e gorgonzola

Tortelli al cacao e gorgonzola

Tortelli al cacao e gorgonzola. Un po’ di tempo fa accennavo al mio addio al nubilato, con questa ricetta è decisamente giunto il momento di parlarne. Una giornata che mi somiglia molto, Dr. Jackyll e Mr.Hyde, la quiete prima della tempesta, eventi contrastanti e insospettabili 

Bundt cake zucca, arancia e cannella

Bundt cake zucca, arancia e cannella

Bundt cake zucca, arancia e cannella. Lo so già che amerete questa ricetta, e vi do diversi buoni motivi. Intanto è sì una torta con la zucca, che tanto lo sappiamo che in questo periodo non si vede altro, ma non dovrete ammattire per fare 

Zucca ripiena al forno

Zucca ripiena al forno

Zucca ripiena al forno.

E’ la mia preferita, e anche se, come coi figli, non ci dovrebbe essere il preferito, a me lei piace davvero tanto, più delle altre.

Parlo della zucca butternut, ovviamente, con questa forma che mi ricorda un Barbapapà – sapete cosa sono vero? Non mi fate sentire anziana! – con la sua piccola e perfetta cavità rotonda interna, a

Continue reading Zucca ripiena al forno

Ciambellone allo zafferano e gocce di cioccolato

Ciambellone allo zafferano e gocce di cioccolato

Ciambellone allo zafferano e gocce di cioccolato L’oro rosso. La spezia dei re.   I soprannomi non si riferiscono solo al colore della polvere derivata dallo stimma del fiore, ma anche al suo costo, due volte tanto quello dell’oro.   Associo lo zafferano a tutto 

Avotoast con pane ai multicereali

Avotoast con pane ai multicereali

Avotoast con pane ai multi cereali. Preparare il pane è sempre una grande lezione di vita per me.  Mi resetta il cervello reimpostandomi su tempi lunghi, di attesa, di valutazione, di comprensione di

Waffle: la mia ricetta infallibile!

Waffle: la mia ricetta infallibile!

Waffle: la ricetta infallibile!

Quando faccio i waffle penso sempre alla mia amica Carolina, che ha un biondissimo figlio di nome Pietro, grande estimatore di dolci che ha attraversato, come Picasso con il periodo blu, una fase di ossessione per i waffle: li chiedeva alla sua mamma di continuo, e lei mi scrisse disperata per chiedermi se avevo una ricetta valida per accontentarlo!

A quell’epoca davo ancora del lei a queste cialde che non avevo mai provato, optavo sempre per i pancakes nelle occasioni del brunch, poi mi sono resa conto che non sperimentavo mai perché non avevo lo stampo adeguato, un cane che si rincorre la coda insomma: la prima volta li ho fatti salati, e li trovate qui se volete, poi ho iniziato a perfezionare la ricetta dolce e…eccola qui!

L’impasto di base è sempre lo stesso e potrete utilizzare la macchinetta apposita per la cottura – cosa che vi consiglio vivamente, pur non avendola al momento ho provato questa che vi ho inserito nello shop Amazon e non è male per niente! – oppure gli stampi in silicone – io attualmente uso questi – da inserire in forno: ecco quindi tre idee di farcitura per poter creare abbinamenti diversi a partire dalla stessa ricetta. 

Indovinate quale è il mio preferito?

 

WAFFLE: LA MIA RICETTA INFALLIBILE!

Preparazione: 10 minuti     Dosi: circa 10 pezzi

Ingredienti per l’impasto di base:

  • 2 uova medie a temperatura ambiente
  • dai 60 agli 80 g di zucchero
  • 70 g di burro fuso
  • 180 g di latte fresco intero
  • 180 g di farina 00
  • 1 cucchiaino raso di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • q.b. semi di vaniglia (facoltativi, no vanillina!)*

Per le farciture, alcuni spunti di combinazioni che mi piacciono:

  • burro di arachidi, yogurt greco e cannella con scaglie di cioccolato
  • crema spalmabile alla nocciola, banana e scaglie di cocco
  • yogurt al cocco, mirtilli e sciroppo d’acero
  • composta di zucca e mele (la mia, questa !) con noci 
  • ricotta, confettura di frutti rossi e cannella

 

Sciogliete il burro al microonde oppure a bagnomaria e tenete da parte a intiepidirsi.

Separate i tuorli dagli albumi e montate questi ultimi insieme a un terzo dello zucchero con le fruste elettriche, inserendolo in un contenitore alto e stretto. Tenete da parte.

In una boule capiente inserite i tuorli con lo zucchero restante, il sale e l’aroma- vaniglia o altro – e lavorate con una frusta a mano. Inserite progressivamente il burro fuso a filo e lavorate ancora, poi unite la farina setacciata con il lievito per dolci alternandola con il latte.

Inserite nel composto una piccola quantità di albume montato mescolando energicamente in mod che l’impasto si ammorbidisca, poi inserite il resto degli albumi in due volte mescolando dal basso verso l’alto. Tenete l’impasto in frigorifero fino al momento di cuocerlo.

Scaldate il forno a 210° in modalità statica se utilizzerete gli stampi in silicone, che solitamente io spruzzo appena con dello staccante spray o imburro appena spennellando con pochissimo burro fuso. In alternativa, predisponete la macchinetta per cuocere le cialde.

Riempite le cavità lasciando qualche millimetro dal bordo e cuocetele circa 4-5 minuti se usate la macchinetta apposita, mentre per il forno cuoceteli circa 7-8 minuti poi, quando saranno ben dorati, estraeteli, ribaltateli su una teglia e cuocete il lato rimasto più chiaro qualche altro minuto, fino a doratura completa.

Fateli intiepidire appena poi farciteli come più vi piace: nei suggerimenti in alto trovate le mie combinazioni preferite, ma sbizzarritevi pure con quello che più vi piace o che avete in casa!

I miei consigli:

  • *Ormai sapete che sconsiglio sempre la vanillina, è un prodotto sintetico, industriale, un aroma artificiale che per me potete buttare via dalla dispensa. Utilizzate piuttosto aromi freschi: la vaniglia di una bacca, scorza di agrumi, cannella o altre spezie in polvere, tutto ciò che è naturale andrà benissimo!
  • Per la mia versione di waffle salati, dai un occhio qui!
Lemon curd fatto in casa

Lemon curd fatto in casa

Lemon curd fatto in casa. Mi sono imbattuta per la prima volta nel lemon curd acquistando per caso, nel reparto libri del supermercato, un libro a sconto sulla pasticceria americana, o meglio, un libro di una famosa pasticceria americana a me sconosciuta. Miette. San Francisco.